Troppe strisce blu: il Movimento Cinque Stelle consegna al Comune la petizione per il free park

Scritto da , 15 Settembre 2013
image_pdfimage_print

di Marta Naddei

Strisce blu. Strisce blu ovunque. A Salerno, ormai, trovare un parcheggio che non sia a pagamento è impresa piuttosto ardua. Se a questo si aggiunge il costo della sosta nelle aree di parcheggio a Salerno, la situazione diventa davvero gravosa per i cittadini. Per questo 850 salernitani hanno firmato la petizione promossa dal Movimento Cinque Stelle di Salerno al fine di ottenere, da parte dell’Amministrazione comunale, la realizzazione di aree di parcheggio gratuite che compensino l’onda blu presente in città.  La petizione, sottoscritta da quasi un centinaio di cittadini residenti a Salerno, sarà posta proprio all’attenzione dell’amministrazione municipale, ente cui fa capo Salerno Mobilità, la società che gestisce le aree di parcheggio a pagamento. Domani sarà illustrata in una conferenza stampa alla quale prenderanno parte anche i primi firmatari della petizione, ovvero i parlamentari pentastellati Silvia Giordano e Angelo Tofalo.
«I cittadini salernitani si sono dimostrati sensibili nei confronti di questa iniqua scelta sociale perpetrata dall’amministrazione – si legge in una nota del Movimento Cinque Stelle Salerno – Di fatto, se da un lato i cittadini della zona orientale sono completamente estromessi da qualsiasi agevolazione sul pagamento della sosta (nonostante siano contribuenti come tutti gli altri), i cittadini del centro sono illusi da un permesso che non garantisce loro un parcheggio sicuro, ma di fatto risulta essere un salva-condotto a sanzioni in zone, peraltro molto limitate».
I costi esorbitanti del parcheggio in “strisce blu” a Salerno è reso ancor più pesante dalla mancanza di un trasporto pubblico locale adeguato che si barcamena tra un Cstp claudicante e in zona fallimento e una metropolitana che dovrebbe, dopo 15 anni, vedere la luce solo il prossimo novembre. In sostanza, i salernitani sono obbligati a prendere il proprio mezzo privato per spostarsi in città e di conseguenza costretti a pagare il relativo parcheggio. In particolare, nel cuore del centro cittadino le aree di sosta “free” sono praticamente un miraggio sahariano.
«La petizione – spiega la nota del Movimento – chiede all’amministrazione comunale l’uso del buon senso, sapendo che la sosta si può e si deve regolamentare, senza peraltro guardare ad un lucro eccessivamente vessatorio, aumentando il numero di aree di sosta a “strisce bianche” e mantenendo un occhio di riguardo anche ad una quota di posti riservati alle persone con disabilità. Le firme raccolte saranno indirizzate al sindaco, anche Sottosegretario del dicastero competente della materia oggetto della petizione, affinché dia delle risposte quale segnale di trasparenza e responsabilità di un’amministrazione attenta alle richieste dei propri cittadini».

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->