Trevisan: “A Salerno per vincere il campionato”

Scritto da , 26 luglio 2014

SALERNO. “Non vedo l’ora di raggiungere i miei compagni in ritiro”. Così Trevor Trevisan si presenta ai suoi nuovi tifosi. Il suo trasferimento alla Salernitana è ufficiale, e l’ormai ex giocatore del Padova parlava già da granata a pochi minuti dall’ufficializzazione. Il difensore centrale classe 1983, dopo aver giocato l’ultimo anno in prestito al Varese, si è svincolato dopo il fallimento del club euganeo e ora ha firmato un contratto biennale e a iniziare la sua nuova avventura alla Salernitana, spiegando che dopo quasi dieci anni di serie B, la “retrocessione” in Lega Pro non rappresenta un problema: “Salerno è una piazza che non ha nulla a che vedere con la Lega Pro, soprattutto nel girone in cui dovrebbe essere inserita, dove ci sono tante squadre più prestigiose di alcune di B. Non vedo l’ora di cominciare questa nuova avventura. Arrivo a Salerno per portare il mio contributo e togliermi soddisfazioni importanti coi miei nuovi compagni. Mi ha convinto il progetto della Salernitana, ha fatto un mercato importante e ha preso molti giocatori provenienti da categorie superiori. L’obiettivo è quello di vincere il campionato, chiaro che non sarà facile perchè la Lega Pro è un campionato durissimo e ci sarà una concorrenza agguerrita ma sarebbe bellissimo vincere in una piazza calda come Salerno”. Come si evince dalle sue parole, Trevisan scalpita e morde il freno in attesa di cominciare a lavorare con i suoi compagni: “Purtroppo la situazione legata al fallimento del Padova- continua il difensore originario di Cassino- ha fatto perdere a me e ai miei ex compagni due settimane di lavoro. Ovviamente mi sono allenato per conto mio, ma non è come allenarsi con la squadra. Non vedo l’ora di arrivare in ritiro (raggiungerà già oggi il ritiro di San Vito di Cadore n.d.r.) e lavorare sodo per mettermi alla pari col resto del gruppo e poter dare da subito il mio contributo”. Trevisan, che in carriera ha giocato sia in difese a tre che a quattro, si dice pronto a calarsi nel 4-2-3-1 di Somma: “Conosco questo sistema di gioco. Io sono un centrale di sinistra, ho giocato sia a tre che a quattro e non penso avrò problemi da questo punto di vista. Quello che conta ora è trovare subito la condizione”.

Simone Perrotta

Consiglia