Trenta ore per la vita con ‘Progetto home’

Scritto da , 8 aprile 2016
image_pdfimage_print

Una settimana sulle reti Rai, fino al 10 aprile, una su La7, dall’11 al 17 aprile, e un’altra su Sky, dal 10 al 16 aprile, con il numero solidale 45594 attivo dal 4 al 20 aprile 2016, per raccogliere fondi per il ‘Progetto Home’ in favore dei bambini e adolescenti malati di tumore. Questo e’, per il terzo anno consecutivo, il progetto 2016 dell’Associazione ‘Trenta ore per la vita’, che si avvale come sempre del socio fondatore e testimone Lorella Cuccarini. Al suo fianco Nancy Brilli, Maria Grazia Cucinotta, Morgan De Sanctis, Anna Foglietta, Gabriele Rubini (Chef Rubio), Riccardo Montolivo, Luciano Spalletti. “Ogni giorno nel mondo- fanno sapere- viene diagnosticato un tumore a 700 bambini. In Italia, ogni anno, piu’ di 2300 tra bambini e adolescenti si ammalano di patologie onco-ematologiche. La malattia di un bambino colpisce l’intero nucleo familiare: per seguire i piccoli malati le famiglie, molto spesso, sono costrette a spostarsi in regioni diverse poiche’ non in tutto il territorio italiano si trovano reparti specializzati in oncoematologia pediatrica”. Gli obiettivi del ‘Progetto Home’ sono due: garantire ai bambini e agli adolescenti malati di tumore il diritto alla salute e alla migliore qualita’ possibile di vita; assicurare alle loro famiglie tutto il sostegno psicologico e materiale necessario, come poter contare su una casa lontano da casa. Questi sono i progetti sostenuti con l’edizione 2016 di ‘Trenta Ore per la Vita’: – Residenze: realizzazione di due case di accoglienza gratuite per famiglie con bambini malati di tumore (con Agop onlus a Roma e con Agebeo onlus a Bari); – Ospedali: ristrutturazione del day hospital oncoematologico pediatrico del Policlinico San Matteo di Pavia in collaborazione con Soleterre strategie di pace onlus; ‘umanizzazione’ del reparto di radioterapia pediatrica dell’A.o.u. San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno con Open onlus; e, come ‘progetto speciale’, la ristrutturazione del reparto di rianimazione pediatrica degli Spedali civili di Brescia; – Riabilitazione: costruzione di una palestra per la riabilitazione motoria dei bambini e degli adolescenti presso il ‘Centro Maria Letizia Verga per lo studio e la cura della leucemia del bambino’ Fondazione Monza e Brianza per il bambino e la sua mamma a Monza; – Assistenza, formazione dei volontari e sostegno e psico-oncologico: due sono i progetti di assistenza che prevedono un percorso di sostegno e di accompagnamento dei piccoli pazienti onco-ematologici e delle loro famiglie (a Bologna con Ageop onlus e a Roma con Associazione Peter Pan onlus). Ecco come donare: – NUMERO SOLIDALE 45594 fino al 20 aprile 2016 per donare: 2 euro con sms da cellulare personale Tim, Vodafone, Wind, 3, PosteMobile, CoopVoce e Tiscali; 2 euro per ciascuna chiamata da rete fissa Vodafone e Twt; 5/10 euro da rete fissa Tim, Infostrada, Fastweb e Tiscali. – POSTA: c.c. postale 571.000 (Iban: IT61F07601 03200 000000571000) – BANCA: c/c 000030303030 – Unicredit – (Iban: IT24J0200805181000030303030) Entrambi intestati a: Associazione Trenta Ore per la Vita onlus. – CARTE DI CREDITO: Numero verde 800-33.22.11 Online sul sito www.trentaore.org

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->