Tre uscenti non si ricandideranno, Luigi Santorelli approda nella Dc

Scritto da , 7 maggio 2016

Dal Consiglio comunale uscente non si candideranno Anna Ferrazzano, Nobile Viviano e Mimmo Galdi. Quest’ultimo, però, passerà il testimone al figlio Rocco che sarà nella lista dei “Progressisti per Salerno”. Non scenderà in campo neppure l’assessore al bilancio Alfonso Buonaiuto, l’unico che non si candiderà per dedicarsi completamente al suo ruolo di capo della segreteria politica del governatore Vincenzo De Luca. Si spostano verso Napoli, quindi verso De Luca, quasi tutti i componenti di quella che un tempo era l’opposizione cittadina. Resistono solo Zitarosa (candidato in Forza Italia) e il trittico Cammarota, Celano e Adinolfi, tutti candidati sindaco. Passano dall’altra parte, invece, Sandro Ferrara (attuale capo della segreteria del presidente della Provincia di Salerno Giuseppe Canfora), Corrado Naddeo (parente del dimissionario Salvatore Gagliano), Paky Memoli e Pietro Stasi, quest’ultimo candidato nel listone centrista, sempre a sostegno di Enzo Napoli. Ieri giornata frenetica per la presentazione delle liste che entro oggi, alle ore 12,00 dovranno trovarsi tutte, firmate e sottoscritte, all’ufficio elettorale del Comune di Salerno. Altre poche ore, dunque, per gli ultimi aggiustamenti e spostamenti nelle varie e tante formazioni che saranno presenti in questa tornata elettorale. Tra le curiosità, spicca la candidatura dell’ingegnere Luigi Santorelli che sotto il simbolo della Democrazia Cristiana sosterrà “Il popolo della famiglia” di Raffaele Adinolfi. “E’ un ritorno alle origini” – dice l’ingegnere che questa volta ha abbandonato l’idea della candidatura a sindaco, “accontentandosi” di un posto in Consiglio comunale. Gianpaolo Lambiase, nella sua lista “Salerno di tutti” piazza Galileo Barbirotti, figlio dell’ex consigliere regionale dell’Idv, un tempo fedelissimo di Vincenzo De Luca. Ancora con l’architetto due ex consiglieri comunale Enzo Francese e Alfonso Siano, oltre che l’ex assessore al lavoro Franco Mari. Non scopre le carte, invece, il candidato sindaco Dante Santoro che solo questa mattina renderà pubbliche le sue tre liste.

Consiglia