Tosta e cinica, la Salernitana va

Scritto da , 23 gennaio 2017

di Fabio Setta

SALERNO. Ci pensa Coda. Con il nono gol stagionale la Salernitana, che per la prima volta dopo nove gare non subisce reti, batte lo Spezia e conquista tre punti che con gli adeguati e necessari rinforzi potrebbero aprire scenari interessanti per la formazione granata. Un successo sofferto ma fortemente voluto e meritato. Senza Rosina sostituito da Ronaldo la Salernitana ha inevitabilmente meno qualità in mezzo al campo. Manca un po’ di ritmo e pur tenendo palla la squadra di Bollini sbatte sul muro difensivo dello Spezia. Zero occasioni, anzi un paio di brividi al 6’ quando Granoche calcia alto e al 28’ con un colpo di testa parato di Deiola bloccato dall’esordiente Gomis, preferito a Terracciano. Proprio nel momento in cui lo Spezia sembra aver preso le misure alla Salernitana, la squadra di Bollini, però, si accende. La squadra ligure, alzando il baricentro, lascia più spazi ai granata che ne approfittano. Negli ultimi dieci minuti sono così diverse le occasioni. La traversa di Donnarumma al 36’, ancora un’occasione per l’ex Teramo al 38’ prima che al 43’ su lancio lungo di Tuia, proprio Coda s’involi per battere in diagonale Chichizola, facendo esplodere i 9mila (record negativo stagionale di presenze) dell’Arechi. Sulle ali dell’entusiasmo dopo il gol del vantaggio, la Salernitana nel recupero del primo tempo sfiora il raddoppio ma il tiro di Della Rocca da buona posizione termina alto. A inizio ripresa, invece, la Salernitana commette l’errore di arretrare troppo il baricentro, lasciando campo alla reazione dello Spezia. La squadra ligure di mister Di Carlo preme e si rende pericolosa due volte. La squadra granata soffre, non riuscendo più a risalire. Allora Bollini toglie Donnarumma e gioca la carta Rosina. Ma non cambia la situazione. Sono però diverse le situazioni potenziali di ripartenza gestite male dai granata, cui manca un pizzico di lucidità nel classico ultimo passaggio. A dieci dalla fine anche il momento del nuovo acquisto Bittante che entra al posto di Improta per rinforzare l’assetto difensivo in vista dell’ultimo assalto dello Spezia. L’occasione migliore arriva a due minuti dal termine quando Cisotti in diagonale trova la pronta risposta di Gomis. La Salernitana stringe i denti e tira un sospiro di sollievo.

Consiglia