Terzo Settore, Piero De Luca: ‘Salerno è una delle città più solidali d’Italia’

Scritto da , 31 ottobre 2017

Nel corso di un incontro richiesto e promosso da alcune associazioni della città di Salerno impegnate nel terzo settore, Piero De Luca, componente della Segreteria Regionale del Partito Democratico, ha avuto modo di illustrare la futura linea programmatica del Partito in merito a tale argomento. La strategia politica dell’amministrazione cittadina negli ultimi anni-ha spiegato Piero De Luca- ha puntato fortemente – anche grazie al costante impegno profuso negli anni dall’assessore Savastano – sullo sviluppo del terzo settore, sulla creazione di una rete strutturata di asili nido, e sulle politiche di welfare, volte a dare assistenza in particolare agli anziani, alle famiglie meno abbienti, ai nuclei familiari con persone diversamente abili, ai minori non accompagnati, etc., nonostante i tagli subiti negli anni dalle amministrazioni locali.Il lavoro straordinario che le numerose associazioni impegnate in questo settore svolgono con spirito di abnegazione sul territorio – alle quali va il nostro ringraziamento – conferma la bontà della scelta effettuata. Dobbiamo essere orgogliosi di quanto è stato fatto e si farà in questo settore.

Nel corso del dibattito ad Imola, tenutosi durante la Festa Nazionale del PD, abbiamo avuto modo di ricordare che anche a livello nazionale i Governi Renzi e Gentiloni hanno lavorato e investito molto nell’assistenza ai più deboli ed alle fasce sociali più disagiate, così come nella tutela e nella valorizzazione dei giovani che sono stati aiutati con percorsi finalizzati all’ingresso nel mondo del lavoro. Tra le misure nazionali messe in campo è possibile citare, a titolo esemplificativo:

il REDDITO DI INCLUSIONE ATTIVA, contro la povertà delle famiglie che risiedono in Italia, che entrerà in vigore a partire dal 1° gennaio 2018, e che prevede un contributo economico fino a 485 euro al mese per le famiglie più numerose finalizzato al sostegno per l’ingresso nel mondo del lavoro;

la nuova misura RESTO AL SUD, volta ad incentivare con un sostegno economico fino a 40 000 euro i giovani all’avvio di attività imprenditoriali, rivolta ai giovani under 35 residenti nelle regioni del Mezzogiorno;

il BANDO PERIFERIE DEGRADATE con cui sono stati finanziati, con 78 milioni di euro, numerosi progetti di riqualificazione urbana che hanno interessato anche il Comune di Salerno e che consentiranno di portare a termine il programma di investimenti volti a riqualificare alcuni quartieri della nostra città.

Anche la Regione Campania sta lavorando molto in questo settore. Tra le misure messe in campo occorre evidenziare su tutte:

la LEGGE SULL’ AUTISMO che prevede la costituzione di una Rete di assistenza regionale per l’erogazione di servizi, da quelli territoriali a quelli ospedalieri, con l’istituzione di equipe multidisciplinari per la presa in carico, la diagnosi e la cura dei minori affetti da questa patologia;

l’avviso pubblico BENESSERE GIOVANI – ORGANIZZIAMOCI, la linea di intervento che, con un finanziamento di oltre 10 milioni di euro e il coinvolgimento di 1892 partner, di cui 603 imprese, 336 associazioni giovanili, 261 associazioni del terzo settore e 232 organismi di formazione accreditati, mira a sensibilizzare ed accompagnare i giovani dai 16 ai 35 anni alla cultura d’impresa e all’acquisizione di competenze;

il TRASPORTO PUBBLICO GRATUITO garantito per migliaia di studenti attraverso un investimento iniziale di circa 15,6 milioni di euro annui per un risparmio di circa 300 euro a famiglia. A questo provvedimento si aggiunge l’estensione della fascia di agevolazioni sociali per le famiglie numerose, per le donne da 62 anziché da 65 anni, nonché il trasporto gratuito ai membri delle forze dell’ordine.Dobbiamo continuare a lavorare nei prossimi mesi per rafforzare ulteriormente queste misure anche attingendo al Fondo Sociale Europeo, nella consapevolezza che la città di Salerno ha raggiunto livelli di eccellenza da difendere e tutelare.

Consiglia