Tecné, sondaggio in esclusiva per Le Cronache: possibile ballottaggio Napoli-Sarno

Tecné, sondaggio in esclusiva per Le Cronache: possibile ballottaggio Napoli-Sarno

 

RAPPORTO SALERNO (2021-9-16) (1)




Salerno al voto, il sindaco che vorrei…

A poco più di due mesi dal voto, Le Cronache lancia, attraverso il suo canale LinkedIn, il primo sondaggio ufficiale sul gradimento relativo ai candidati sindaci. Il voto è totalmente anonimo.

Per votare clicca qui: https://www.linkedin.com/posts/le-cronache-93177a212_amministrative2021-activity-6831579749375098880-09ME

 

 

 

 




L’uso degli smartphone, quanto ci sta cambiando?

E’ un legame ormai consolidato quello tra il consumatore e il mondo digitale, è impossibile per una persona stare senza il proprio smartphone, anche a tavola.

La multinazionale statunitense in ricerca di mercato, Nielsen Company, da un suo sondaggio, basato su un campione di 30.000 persone giovani e più adulti in 60 paesi, ha dichiarato che solo il 43% delle persone, a pranzo non utilizza lo smartphone.

Il Nielsen global generational lifestyles Report non ha fatto altro che confermare quanto la nostra realtà sia affetta da “dipendenza tecnologica”.

Sembra che non siano solo i giovani ad estraniarsi, ma anche le persone più adulte.

Terrie Brennan, EVP advertising solutions di Nielsen – ha dichiarato che preconcetti generazionali non sono più validi , infatti molte persone di generazione più matura, sta diventato un appassionato di tencologia, dalla lettura del giornale on line alla navigazione web.

Nel mondo del social network invece , sono sempre i giovani ha portare il primato, il 45% contro l’8% degli over 60.

Per quanto possa essere prerogative delle attuali generazioni, l’uso di dispositive hi-tech non lascia indiferrente proprio nessuno.

Mettiamo da parte per un attimo i dati, quello che emerge è che l’uso assiduo di internet e dei dispositivi sottrae tempo alla comunicazione, trasforma il momento della cena o del pranzo che è da sempre spazio di convidizione con amici e famiglia.

Per un ragazzo o una persona anziana, parlare di sé giova tantissimo al benessere interiore, è bene quindi essere presenti con la mente più che con il corpo.

 

di Letizia Giugliano




Scafati. La Miglior pizza? Da “Cocco”. Qualità prezzo: “Da Ciro”, Location: “Il Giardinetto”. La classifica finale

Di Adriano Falanga

E’ la pizzeria COCCO a sfornare la miglior pizza di Scafati, mentre DA CIRO al Plaza è apprezzato per il rapporto Qualità\Prezzo. IL GIARDINETTO con il suo parcheggio interno e l’area attrezzata al coperto per i bambini ha avuto riconoscimento per miglior location. Grandissimo successo e partecipazione ogni oltre aspettativa per il sondaggio on line che Le Cronache ha voluto realizzare in collaborazione con il gruppo Facebook “Sei di Scafati se”, vera piazza virtuale scafatese con quasi 19 mila iscritti. Il sondaggio chiaramente non è un premio o concorso culinario, a votare sono stati gli stessi internauti, e lo scopo è stato unicamente la promozione turistica delle decine di pizzerie presenti sul territorio. Tutto gratis, e il tam tam tra social network e passaparola tra i fedelissimi, ha avuto un grande riscontro in termini di pubblicità. Ben 32 le pizzerie menzionate, molte delle quali sconosciute ai più, a dividersi i mille voti disponibili del sondaggio. Un grande successo e un’idea simpatica per stimolare gli scafatesi alla conoscenza e frequenza delle attività gastronomiche che la città offre. Le 32 menzioni dimostrano certamente un elevato livello culinario e l’ampia offerta territoriale. Prima di passare alla classifica definitiva, lanciamo una sfida ai pizzaioli: chi di voi sfornerà la pizza “SCAFATESE”? Non ci risulta che al momento sia in produzione una pizza che rispecchi le peculiarità tipiche della città di Scafati. Allora, forza con le idee, e inventiamo la pizza “Scafatese”!

CLASSIFICA: Cocco 190 – Da Ciro al Plaza 186 – Il Giardinetto 182 – 50 Sfumature di Gusto 173 – Da Ciccio 65 – Il Bugigattolo 44 – Da Mariano 24 – Tre Stelle ex aequo con Serafino 20 – La Pergola 13 – Manù 10 – Il Lanternone 9 – Il Parlantino ex aequo con Buona e Saporita 5. Menzionate anche le seguenti pizzerie (in ordine sparso): Peccati di Gola – Pepito’s – Saltingola – Antichi Sapori – Fantastica – Iaccarino – Il Capriccio – Addore e Pizza – Civico 141 – Canestrello D’Oro – Da Mario – Da Salvatore – Lupin – Maremì – Margherita – Staiano – Mascalzone – Paradise.




Scafati. Tutti pazzi per la pizza, prima classifica ufficiale del nostro sondaggio

Di Adriano Falanga

Due soli giorni e oltre 250 votanti al nostro sondaggio on line “la miglior pizza di Scafati”. Il concorso promosso dal nostro giornale in collaborazione con il gruppo Facebook “Sei di Scafati Se” che sfiora i 19 mila iscritti, è diventato ben presto virale e il link per votare la propria pizzeria preferita sta facendo il ping pong tra social network, sms, messaggi ed email. Il sondaggio sarà aperto fino al 5 novembre, e i risultati sono costantemente aggiornati, e pubblicati, sulle pagine Facebook “Cronache agro” e “sei di scafati se”. I primi 250 votanti hanno consegnato questa classifica per la miglior pizza:

1) pizzeria 50 SFUMATURE DI GUSTO

2) pizzeria COCCO

3) pizzeria IL BUGIGATTOLO

4) pizzeria DA CICCIO

5) pizzeria IL LANTERNONE.

A seguire un elenco di altre 10 pizzerie. Miglior rapporto qualità/prezzo in ex aequo pizzeria IL GIARDINETTO, pizzeria ANTICHI SAPORI, pizzeria il BUGIGATTOLO. Apprezzata invece la location della pizzeria CIVICO 141. Tre domande: miglior pizzeria, miglior location, miglior rapporto qualità prezzo. Rispondere è semplice, sarà possibile farlo fino al 5 novembre 2017 al seguente link: https://www.survio.com/survey/d/Q8I6A3O4B9C1L5J4O. Ai vincitori andrà in premio un’ampia recensione sul quotidiano “Le Cronache” e sul sito “cronachesalerno.it” oltre ad un attestato di riconoscimento da esporre nel locale, siglato dal giornale e dal gruppo “Sei di Scafati se”.




Scafati. La migliore pizza di Scafati la scegli tu: al via il sondaggio on line

Di Adriano Falanga

Se non ci fossero loro, a Scafati la movida serale sarebbe completamente scomparsa. Sono le pizzerie a tenere ancora testa nel settore enogastronomico, e in città l’offerta è piuttosto ampia. C’è chi sente l’influenza napoletana e offre la classica pizza stile “Napoli”, sottile e altamente digeribile. C’è chi invece sente l’influenza dei monti Lattari e offre la pizza stile “Gragnano”, spessa e ricca di ogni sorta di ingrediente. Ma non manca chi di contro offre un tipo di pizza tutto suo, dando spazio alla creatività e fantasia culinaria. La pizza è un’arte e a Scafati vogliamo capire chi la fa meglio di tutti. Così, in collaborazione con il gruppo Facebook “Sei di Scafati se” che conta oltre 18 mila iscritti, rappresentando la “piazza virtuale” degli scafatesi, Cronache sponsorizza il sondaggio on line “La miglior pizza di Scafati”. Tre semplici domande: miglior pizzeria, miglior location, miglior rapporto qualità prezzo. Rispondere è semplice, sarà possibile farlo dal 9 ottobre al 5 novembre 2017 al seguente link: https://www.survio.com/survey/d/Q8I6A3O4B9C1L5J4O. I risultati saranno aggiornati e resi noti due volte a settimana attraverso le pagine Facebook “Cronache agro” e il gruppo “Sei di Scafati se”. Ai vincitori andrà in premio un’ampia recensione sul quotidiano “Le Cronache” e sul sito “cronachesalerno.it” oltre ad un attestato di riconoscimento da esporre nel locale, siglato dal giornale e dal gruppo “Sei di Scafati se”.

 




REGIONALI, ENTERPRISE CONTACT PER CRONACHE RESTA ALTO IL DATO DEGLI INDECISI

Resta alto il dato dell’astensione nel sondaggio realizzato da Enterprise Contact per Cronache del Salernitano e aggiornato a ieri. Secondo la rilevazione, il 42 per cento parteciperà al voto mentre il 39 per cento dichiara che non si recherà alle urne ed infine il 19 per cento deciderà all’ultimo minuto. Resta confermato, così come nella precedente rilevazione, che i maggiori indecisi sono nel centrodestra di Stefano Caldoro. Infatti, se gli indecisi dovessero recarsi alle urne – secondo i dati della Enterprise Contact – il 43 per cento voterebbe per Stefano Caldoro; il 32 per cento per Valeria Ciarambino (candidata alla presidenza per il Movimento 5 Stelle), il 19 per cento per Vincenzo De Luca ed infine il 6 per cento per gli altri, quindi per Salvatore Vozza (lista “Sinistra al lavoro per la Campania”) e  Marco Esposito (lista Mo). Infine, quanto all’intenzione di voto, recupera rispetto alla precedente rilevazione il governatore uscente che arriva al 41 per cento rispetto al 35 di Vincenzo De Luca. Diciassette per cento per Valeria Ciarambino, 7 per cento per gli altri candidati in campo. «Il dato di astensionismo – descrivono dall’agenzia – si rileva molto alto in tutte le fasi di monitoraggio degli ultimi due mesi antecedenti al voto. Dalle ultime rilevazioni effettuate nel mese di aprile, rileviamo cambiamenti sostanziali con riferimento agli indecisi che si spostano con ben cinque punti percentuali a sostegno della candidata del M5S Valeria Ciarambino, che perde tuttavia un punto percentuale fra coloro che si dichiarano invece propensi al voto esprimendo un opinione. Acquista due punti percentuali dalle ultime nostre rilevazioni di aprile il candidato Stefano Caldoro, che stacca di sei punti percentuali il candidato Vincenzo De Luca».

IL SONDAGGIO È CONSULTABILE AL SEGUENTE LINK, SELEZIONANDO IL PRIMO NELL’ELENCO:  http://www.sondaggipoliticoelettorali.it/ListaSondaggi.aspx?st=SONDAGGI