Pontida del Sud, tutto rinviato

Andrea Pellegrino

Matteo Salvini ha chiesto espressamente di essere presente alla Pontida del Sud. Ora più che mai che alla contromanifestazione hanno già dato l’adesione Saviano e de Magistris. Ma il vicepremier non potrà esserci, il 29 e 30 settembre, quando la Lega provinciale ha organizzato e promosso l’appuntamento di Campagna. Così si rinvia tutto. Al massimo di un mesetto. Il tempo di riorganizzare l’agenda di Salvini ed anche di altri ministri leghisti che hanno dato la loro disponibilità ad essere presenti a Campagna. Insomma l’evento del sud si starebbe allargando sempre di più, al punto da attirare l’attenzione nazionale. Confermata, invece, la conferenza stampa di stamattina alla presenza del deputato Gianluca Cantalamessa. Sarà l’occasione per spiegare i dettagli dell’evento e del rinvio stabilito nel tardo pomeriggio di ieri. «Abbiamo bisogno di più tempo per organizzarci – spiega Mariano Falcone, segretario provinciale della Lega – ma accogliamo anche la disponibilità del nostro leader Salvini. Sarà un evento memorabile». Tra le date utili il 15 ottobre o il 7 novembre. Insomma, serve ulteriore tempo per riorganizzare anche gli spazi, scalette, inviti ed iniziative. Non slitta (almeno per ora), invece, la contromanifestazione organizzata per il 29 e 30 settembre dal comitato ‘Questa Lega è una vergogna’, partita con un appello firmato anche da Roberto Saviano, Maurizio de Giovanni, Isaia Sales e Luigi de Magistris. «La nostra mobilitazione – spiega alla Dire Ennio Riviello dell’associazione promotrice ‘Campagna città aperta’ – si terrà come annunciato il 29 e 30 settembre. Sarà una manifestazione antirazzista. Non contempleremo che ci possa essere solo la voce dei leghisti a parlare in questa città. Quindi ci saremo sempre, nel rispetto dei valori democratici, a dire la nostra quando la dice anche la Lega, a Campagna come altrove in Italia». Durante la due giorni di mobilitazione antirazzista è in programma anche un concerto gratuito che partirà alle 18 da piazza Palatucci a Campagna: sul palco anche Luca Persico ‘O Zulu’ e altri artisti dei 99 Posse, i Terroni uniti, ‘Nto, Mujeres Creando, Valerio Jovine.




Campagna, Monaco vince e ferma Lembo jr

Andrea Pellegrino

La lunga notte elettorale dei candidati di Pontecagnano Faiano e Campagna si conclude con il batticuore. A Campagna si chiude la partita al primo turno con Roberto Monaco che ferma la corsa di Andrea Lembo, raggiungendo un’alta percentuale. Nel comune picentino Giuseppe Lanzara, candidato di centrosinistra, fino a tarda notte, ha sfiorato altissime percentuali posizionandosi in pole position rispetto a Francesco Pastore, candidato del centrodestra. Lo scrutinio ha evidenziato fin da subito un sostanziale scarto tra il candidato sindaco del centrosinistra e quello del centrodestra mantenendo, però, fino all’ultimo la possibilità di ballottaggio. Non va bene per gli altri candidati sindaco del comune picentino. Angelo Mazza, candidato con la lista “Movimento Libero” (che ha preso il posto di Giuseppe Bisogno, ritiratosi all’ultimo momento), ha raccolto ben poco, così come Francesco Longo di Sinistra Italiana e Giovanni Ferro. Attesa per il risultato definitivo dei voti dei candidati al Consiglio comunale, con un occhio particolare ad Ernesto Sica, sindaco uscente e candidato al Consiglio comunale con la Lega di Salvini. Attesa anche per conoscere i risultati ottenuti dai partiti che hanno composto le coalizioni. Pontecagnano Faiano è l’unico comune della provincia di Salerno dove sono scesi in campo quasi tutti i simboli tradizionali dei partiti, ad eccezione del Movimento 5 Stelle. A Campagna la sfida è stata tra l’attuale primo cittadino Roberto Monaco (sostenuto da civiche di centrodestra), Andrea Lembo (che guida una coalizione civiche del centrosinistra) e la candidata del Movimento 5 Stelle, Virginia Luongo. Qui non riesce l’impresa dei Cinque Stelle (unica lista certificata in provincia di Salerno), che raggiungono poco più del dieci per cento. «Siamo abituati a lavorare. Tra me ed il popolo è sempre esistito un certo feeling, confermato anche in questa tornata elettorale», il primo commento del sindaco Roberto Monaco, che ha sfiorato il 60% e si è confermato quindi primo cittadino di Campagna. Scelgono la continuità i cittadini e a quanto pare non è servito neanche l’intervento del vicepresidente della Regione Campania Fulvio Bonavitacola durante l’ultimo incontro in piazza con Andrea Lembo, che ha chiuso la campagna elettorale con un ospite d’eccezione. Poco più del 30% per il figlio del procuratore capo di Salerno. In provincia si è votato in 19 comuni. Tra le riconferme quelle di Rocco Giuliano a Polla e di Franco Gismondi a Calvanico e di Luigi Mansi a Scala. A Pellezzano è Francesco Morra il nuovo sindaco che batte Claudio Marchese. Qui inizialmente gli sfidanti erano in tre per poi ridursi a due dopo l’esclusione della lista capeggiata dall’ex sindaco Giuseppe Pisapia.

 
MONACO ROBERTO
ELETTO SINDACO
6.294 59,80
LISTA CIVICA – INSIEME PER CAMPAGNA   1.509 14,60
LISTA CIVICA – CAMPAGNA SI RINNOVA   1.169 11,31
LISTA CIVICA – PUNTOEACAPO   860 8,32
LISTA CIVICA – PER LA FAMIGLIA   826 7,99
LISTA CIVICA – OBIETTIVO COMUNE   700 6,77
LISTA CIVICA – AZZURRI CAMPAGNA   690 6,67
LISTA CIVICA – CAMPAGNA C’E’   638 6,17
LISTA CIVICA – CAMPAGNA CHE VOGLIAMO   471 4,55
Totale liste     6.863 66,40
 
LEMBO ANDREA   3.294 31,29
LISTA CIVICA – LEMBO SINDACO   1.005 9,72
LISTA CIVICA – NUOVO CORSO   673 6,51
LISTA CIVICA – CAMPAGNA UNITA   621 6,00
LISTA CIVICA – CONSENSO DEMOCRATICO   368 3,56
LISTA CIVICA – 135 KM2   294 2,84
LISTA CIVICA – CAMPAGNA PROGRESSISTA   10 0,09
Totale liste     2.971 28,74
 
LUONGO VIRGINIA   937 8,90
MOVIMENTO 5 STELLE   501 4,84



Campagna, «Con noi un’amministrazione amica di tutti i cittadini»

Erika Noschese

A pochi giorni dal voto continuano senza sosta i comizi pubblici dei candidati alla carica di sindaco nei comuni che il prossimo 10 giugno si recheranno alle urne per il rinnovo del consiglio comunale. Nella giornata della festa della Repubblica è stato il turno dell’unica candidata del Movimento 5 Stelle, Virginia Luongo, scesa in campo a Campagna. Come facilmente prevedibile, non sono mancati attacchi agli avversari politici, il sindaco uscente Monaco e il figlio del procuratore capo di Salerno, Andrea Lembo. «Noi vogliamo un’amministrazione amica di tutti. Non vogliamo personaggi che sbandierano sui social foto di opere mai realizzate o realizzate solo pazialmente», ha attaccato Virginia Luongo. «Il problema delle accozzaglie è che noi non ci schieriamo contro le singole persone ma siamo in campo per distruggere un sistema politico che non ci rappresenta perchè non si può pensare al singolo individuo ma al bene della comunità. Dobbiamo contribuire tutti a distruggere questo sistema politico che non funziona» ha poi aggiunto la pentastellata, riprendendo le parole dei suoi competitors circa la rivoluzione che «non arriverà da nessuna direzione, parte da noi come singoli individui nelle nostre azioni quotidiane e nell’educazione che trasferiamo ai nostri figli». Il comizio si è poi concluso con la spiegazione dei punti più importanti del programma elettorale, targato 5 Stelle che la Luongo intende portare avanti in caso di vittoria il prossimo 10 giugno quando i cittadini si recheranno alle urne.




Lembo jr. sfida Roberto Monaco: «Pronto a sbugiardarlo»

Lo aveva annunciato attraverso un video di presentazione del primo comizio nel centro storico di Campgna e lo ha fatto. Andrea Lembo rilancia la sfida al sindaco uscente Roberto Monaco e lo reinvita ad un confronto pubblico su, a detta del candidato sindaco per il centrosinistra: «Tutte le bugie che ha raccontato nel corso dei comizi». E mentre Lembo era in piazza Guerriero ad aprire la campagna elettorale, in località Quadrivio di Campagna c’era proprio Monaco che a carroarmato viaggia per consolidare la carica a Palazzo di Città. «I politici durante la campagna elettorale dicono che tutto va bene, che troveranno. Restituiremo alla città un futuro possibile, una nuova prospettiva. C’è una nuova generazione forte, piena di capacità e competenze. Loro hanno i candidati forti? Noi abbiamo i candidati giusti. Si parla solo del chi sta con chi, ma dei temi chi ne parla? – tuona Lembo – Del riutilizzo degli edifici confiscati alla criminalità organizzata, della sicurezza e di come si affronta questo tema, noi abbiamo previsto una convezione per l’incremento delle forze dell’ordine; manca l’acqua nelle case, molte zone della città soffrono di carenza idrica: vi prometteva nei suoi comizi che ci si poteva fare la doccia in determinate ore del giorno, andate a chiedere alle persone che risiedono nelle zone alte se è così. E’ arrivato il momento della trasformazione che Campagna merita, quella di un centro direzionale di primo rilievo all’interno della Piana del Sele, vanno recuperati gli spazi di civiltà dove possono svilupparsi gli anticorpi per resistere ai tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata sul territorio. Non fatevi imbrogliare, questi vogliono rubarsi altri cinque anni di stipendio, ma noi siamo tanti e cresceremo giorno dopo giorno e non glielo permetteremo. Questa coalizione cambierà Campagna. Usate il voto per il coraggio di cambiare».




“Campagna” elettorale, top&flop dei candidati Sotto tono i grillini

Eugenio Verdini

Candidati e liste in campo, la campagna elettorale per il rinnovo del consiglio comunale e l’elezione del sindaco è in pieno fermento in città. Scintille soprattutto nei due schieramenti maggiormente accreditati, anche per la presenza di decine di candidati pronti a calamitare consensi ed attenzioni. Meno sfavillante la campagna elettorale, fino a questo momento, del Movimento 5 Stelle, ma probabilmente il tutto è legato anche alla circostanza di avere in campo un’unica lista, quella del movimento a sostegno della candidatura di Virginia Luongo. Andrea Lembo, il candidato uscito dalle primarie del Pd, alla guida di uno schieramento ufficialmente di centrosinistra, dove comunque non manca la presenza di altre aree e di civicità, negli ultimi due giorni ha tenuto altrettanti appuntamenti elettorali. Giovedì sera comizio a Serradarce, una delle frazioni di Campagna; ieri sera nuovo appuntamento, a Galdo, con al fianco alcuni dei candidati delle sue liste. Giovedì scorso, invece, sempre in una delle frazioni di Campagna, ma a Varano, il sindaco in carica, Roberto Monaco, aveva proceduto alla presentazione ufficiale delle sue otto liste. Una presentazione particolarmente attesa, specie dopo che il primo cittadino aveva incassato l’adesione alla sua proposta da alcuni dei big della politica cittadina, a cominciare da Raffaele Naimoli, leader della minoranza nel corso della consiliatura che sta per chiudersi. Insomma, atmosfera classica da campagna elettorale, con gli schieramenti divisi tra chi, come Monaco, porterà all’attenzione di cittadini ed elettori gli obiettivi raggiunti nel corso del mandato amministrativo e le premesse di sviluppo messe in campo. E chi, come nel caso di Andrea Lembo e Virginia Luongo, saranno concentrati nel disegnare ipotesi alternative alla gestione del territorio, con disegni e programmi che guardano ad obiettivi diversi. Sostanzialmente tre campagne elettorali che viaggiano su binari lontani tra di loro, che potrebbero confluire nella stessa stazione quando ci fosse un confronto pubblico tra i candidati, ammesso che si realizzi l’occasione.




Campagna, Alessandro Di Battista: «Sempre in tanti contro di noi, ma vincere da soli è l’unico modo per amministrare»

Adriano Rescigno

E poi arriva l’augurio che non ti aspetti, quello di Alessandro Di Battista, al momento la punta più lucente del Movimento 5 stelle, che nella serata di ieri attraverso una breve diretta Facebook, benedice la campagna elettorale di Virginia Luongo, candidata sindaco chiamata a sfidare il primo cittadino uscente Roberto Monaco ed il nuovo che avanza Andrea Lembo. Prima quello della Luongo in provincia di Salerno, avendo alle spalle l’unica lista approvata dallo staff del Movimento. Parla di green economy Virginia, di cultura, di vicinanza al cittadino all’apertura della sua campagna elettorale, ma mentre arringa la folla dei tanti accorsi per assistere, arriva la sorpresa. «Ciao a tutti gli amici, gli attivisti, buona domenica, ai cittadini di Campagna, un abbraccio. Sostenete Virginia Luongo, so che tanti di voi alle politiche hanno sostenuto il Movimento 5 stelle, ed è importante sostenere il Movimento soprattutto in ambito locale. Sapete come funziona, sempre in tante liste contro di noi, ma riteniamo che vincere da soli è l’unico modo possibile per amministrare. Un grande in bocca al lupo a Virginia, a tutti i candidati per il Movimento 5 stelle e forza amici campagnesi. Insieme ce la possiamo fare». Superfluo descrivere il boom delle visualizzazioni ed il volume degli applausi alle parole di Dibba che vanno ad alzare la temperatura di un entusiasmo galoppante




Tutte civiche a Campagna, con l’insidia Movimento 5 stelle

Quindici liste, centinaia di aspiranti consiglieri comunali e tre candidati alla carica di sindaco di Campagna: ecco l’offerta elettorale per gli oltre 11mila aventi diritto al voto per il prossimo 10 giugno. Ed ecco anche il calendario degli appuntamenti con gli elettori, aperti ieri sera dal candidato uscito dalle primarie del Pd, Andrea Lembo, che ha avviato la sua campagna elettorale, anche se incontri ed appuntamenti per i tre candidati a sindaco si erano già registrati, seppure in maniera informale, nei giorni scorsi. Il sindaco uscente, Roberto Monaco, sarà sostenuto da ben 8 liste e c’è chi giura che potevano essere anche di più, a testimonianza di un consenso strutturale. Il suo avversario di centrosinistra, Andrea Lemmo, sarà sostenuto da 6 liste, mentre la candidata del Movimento Cinque Stelle, Virginia Luongo, capeggerà la sola lista del movimento, come è nelle tradizioni elettorali dei pentastellati. In ogni caso, a spulciare tra i candidati scesi in campo per la composizione del nuovo Consiglio Comunale, appare evidente che le liste siano state confezionate sfondando i recinti delle appartenenze politiche, con diverse opzioni bypartisan. Più scelte civiche, insomma, che partitiche. Al vaglio degli elettori, come al solito, saranno programmi e credibilità dei candidati. Monaco, Lembo e Luongo hanno abbondantemente anticipato i temi dei loro messaggi all’elettorato, evidentemente rivolgendosi a diverse sensibilità. «La nostra sarà una campagna elettorale particolare, un viaggio con e tra i cittadini, a cui racconteremo quanto realizzato in cinque anni di amministrazione comunale, con i benefici che tutti stanno vedendo giorno dopo giorno», aveva detto nei giorni scorsi il sindaco uscente, Roberto Monaco. Il primo cittadino metterà in campo quanto realizzato nel corso del suo mandato, con i risultati che ha sottolineato spesso, dall’efficientamento energetico ai risparmi per le famiglie, dal successo nella raccolta rifiuti alla crescita culturale della città. Punta invece sull’alternativa Andrea Lembo, con un messaggio chiaro: «Vogliamo consegnare ai cittadini di Campagna la possibilità di voltare pagina e chiudere un capitolo politico che per troppo tempo ha visto sempre gli stessi protagonisti e, purtroppo, sempre gli stessi problemi». Nella partita per l’elezione del nuovo sindaco entra anche il Movimento 5 Stelle, con Virginia Luongo candidata alla carica di primo cittadino, sostenuta dalla lista del movimento. «Abbiamo lavorato con entusiasmo ed impegno per costruire una lista ricca di competenze e personalità rappresentative del territorio – ha spiegato la giovane candidata pentastellata -.La nostra lista è composta da otto uomini ed otto donne con esperienze, competenze ed età differenziate. Il nostro programma elettorale è costituito da cinque macro aree fondamentali che corrispondono ai principali bisogni che i nostri concittadini hanno manifestato».

Eugenio Verdini




Speciale amministrative 2018, a Campagna parte la sfida a tre

Ecco la lista dei candidati per il Comune di Campagna:

Andrea Lembo:

Lembo sindaco

Giulia Montera

Naomi Francesca Bacco

Davide Buccella, Miriana Chiaviello

Patrizia Gagliardi, Damiano Giorgio

Damiano Giorgio

Diego Magliano

Gianluca Maglio

Mosè Maioriello

Antonio Moscariello

Filomena Panico

Vitantonio Polito

Carmina Rio (detta lina)

Stefano Riviello

Valeria Salito

135 Km2 con Andrea Lembo

Federica D’Ambrosio

Maria Gizzi

Concetta Annicchino

Annalisa Cosentino

Roberta Masucci

Virginia Paradiso

Liberato Capaccio

Cosimo D’Ambrosio

Giuseppe De Simone

Lucantonio Galdi

Angelo Raffaele Magliano

Cesare Maglio

Emanuele Manzo

Demedio Marcantuono

Giovanni Molinari

Mario Stabile

Nuovo corso con Andrea Lembo

Mihaela Alina Azoitei

Paolo Antonio Costantino

Antonietta Cicalese

Marina Cricchio

Giulio Diciannove

Almerico Fontana

Francesca Izzo

Federica Mirra

Mario Moscato

Manuela Novella

Marcella Panico in Polisciano

Marzia Pinto in Amoruso

Mauro Rizzo

Alessio Scilocchi

Liberato Trotta

Ornella Trotta

Consenso Democratico con Andrea Lembo

Adelfio Pierro

Diana Botta

Stefania Carrara

Berniero Chiagano

Maura Giordano

Serena Gizzi

Valentino Glielmi

Ivan Guarnieri

Vladimiro Mirra

Valerio Paldo

Samanta Ricci

Daniela Rocco

Marcello Solitro

Grazia Spolsino

Silvia Vergati

Hoasa Viorica

 

Campagna Progressista

Angela Arena

Antonella busillo

Ida Colicino

Italia eliano

Onofrio Fasano

Rocco fierro

Rocco Galluzzi

Aurelio Giannattasio

Paola Giudice

Antonella Graziano

Rocco Mirra

Cosimina perruso

Angelo poli

Pierpaolo Vincenzo ruggia

Giuseppina Santimone

Antonio Scovotto

Campagna Unita

Massimo D’Ambrosio

Carmine Abbate

Desiderio D’ambrosio

Marialaura D’ambrosio

Speranza D’ambrosio

Valentina D’ambrosio

Giandomenico Ceriale

Antonella Di Bianco

Maria Gnazzo

Lucia Fresolone

Annalisa La Manna

Raffaele Letteriello

Vito Letteriello

Serafina Lullo

Francesco Pezzuti

Angela Valente

 

Movimento 5 Stelle con Virginia Luongo

Carmela Avallone (detta Carmen)

Fabio Bergamo

Santino Campagna

Raniero Ciaglia

Viola D’Amaro

Genesio Facenda

Maria grazia Favale

Rita Ferrisi

Assunta Gizzi

Fianluca Ladanza

Massimo Leandro Iannece

Caterina Izzo (detta Fiammetta)

Anna Madonna

Maurizio Mirra

Katy Monaco

Roberto Rocco

Candidato Sindaco Roberto Monaco: 

OBIETTIVO COMUNE

Caponigro Walter

Ceriale Martina

Cerro Vito

Giorgio Antonietta

Imperato Vitina

Lucioli Tiziana

Magliano Veronica

Magliano Vittorio

Maglio Pietro

Mirra Bruna

Perna Roberto

Persano Antonino

Polito Teresa Rita detta Rita

Plaitano Gioconda

Vella Francesco

Vitale Cosimo

CAMPAGNA CHE VOGLIAMO

Magliano Giacomo

Tolomeo Fosca

Riviello Arianna

Cellammare Sabrina

Glielmi Antonietta

Glielmi Biagio

Piccirillo Angelo

Granito Antonino

D’Ambrosio Lorenza

Iannibelli Mauro

Careri Chiara

Iacovella Elena

Marzano Danilo

Della Rocca Sabrina

Letteriello Flavio

Iuorio Cosimo

PUNTO E A CAPO

Albanese Fausto

Busillo Francesca

Busillo Pierfrancesca

Capozzoli Daniela

D’Ambrosio Giuseppe

Fasano Gerardo

Giovagnoli Dalila

Gonella Mario

Granito Elisabetta

Granito Giuseppe

Magliano Giacomo

Maratea Immacolata

Naimoli Raffaele

Romano Maria Rosaria

Taddeo Giovanni

Trotta Liberato

AZZURRI PER CAMPAGNA

Iuorio Giovanni

Adelizzi Gianvito

Castoro Mafalda

D’Ambrosio Carlo

Delli Bovi Jessika Angela

Di Palma Maddalena

Glielmi Michela

Iannece Cinzia

Magliano Marcello

Maglio Lucia

Mambuca Antonio

Martisciello Maria

Mirra Antonino

Pierro Alessio

Romanzi Anna

Viviani Marinella

CAMPAGNA SI RINNOVA

Santoro Maria

Giordano Amedeo

Piccirillo Dante

Magliano Pietro

Rocco Gerardo

Cioffi Marina

Pezzuti Davide

Busillo Benito

Romanzi Sara

Parisi Giuseppe

Caiafa Vincenzo

Petraglia Gaetano detto Nino

Micciariello Marianna

Stabile Giovanna

Abbatemarco Stefania

Morrone Paola

PER LA FAMIGLIA

Filella Bruno

Magliano Giovanna

Busillo Anna

D’Ambrosio Giuseppina

De Luna Mario

De Vita Vittorio

Glielmi Daniele

Granito Veronica

Granozio Massimo

Mirra Liberata

Panico Gerardina

Sada Fernando

Selvaggio Maria Rosa

Sozzo Vincenzo

CAMPAGNA C’E’

Campagna Antonino

Cubicciotti Remo

Cacciottolo Annamaria

Caloia Mariagrazia

Caponigro Mario

Caporale Rosetta

D’Alessandro Cosimina

Facenda Caterina

Gielmi Romeo

Mappa Martina

Latronico Rita

Onesti Claudio

Racioppi Sara

Rocco Adele

Sansone Monica

Vitale Pasquale

 

INSIEME PER CAMPAGNA

Amoruso Adele

Augusto Renato

Bottiglieri Giuseppina

Busillo Emmanuela

Canpanaro Alberto

Casu Andrea

Cerrone Michele

D’Ambrosio Carmen

Marzullo Umberto

Mirra Liberato

Moscato Livia

Panico, Federica

Sessa Francesca

Stassano Domenico

Tommasiello Cosimo

Trinchilla Teresa

 

 

 

 

 




L’appello agli elettori: «Dopo tanto tempo c’è un’alternativa libera, valutate attentamente»

Erika Noschese

Virginia Luongo, unica candidata pentastellata nel salernitano. Una bella responsabilità quella che si sta assumendo la giovane candidata alla carica di sindaco che cerca così di portare il simbolo dei 5 Stelle nel Comune di Campagna.

Virginia, quali sono i punti più importanti del suo programma elettorale?

«Noi abbiamo costruito il nostro programma elettorale, individuando cinque macro aree fondamentali che corrispondono ai grandi bisogni o interessi dei cittadini: acqua perchè il nostro comune da tempo ha problemi di crisi idriche che durante l’estate pesano davvero tanto sui cittadini; l’area benessere perchè vogliamo intraprendere una serie di attività che migliorano la qualità di vita dei cittadini; sostanzialmente, attività basate sullo sport anche perchè Campagna è un territorio ricco di talenti che poi riescono ad esprimersi sempre fuori dal territorio. Poi, la terza area l’abbiamo chiamata comunità e conoscenza, per favorire una maggiore coesione sociale e un maggior senso di partecipazione allo spirito di comunità; quindi, prevediamo interventi in tema di mobilità, maggiore coesione del territorio, riqualificazione urbanistica per consentire alle persone di entrare più facilmente in contatto perchè è un territorio molto esteso ma le singole frazioni non comunicano tra di loro, se non durante il periodo estivo con alcune manifestazioni. Poi, attività di diffusione della conoscenza sia in termini di pura conoscenza dei saperi scientifici, contatti con il mondo della conoscenza moderna perchè il paese è un po’ emarginato rispetto a queste tematiche sia in termini di diffusione della conoscenza per promuovere il lavoro».

Da cosa dovrebbe ripartire Campagna, dopo il 10 giugno?

«Noi pensiamo che debba ripartire innanzitutto dalle persone perchè hanno il diritto di confrontarsi con l’amministrazione, di esprimere i loro bisogni e di confrontarsi con l’amministrazione anche per individuare situazioni concrete e dovrebbero avere il diritto anche nell’identificazione delle tempistiche, delle risorse. Dunque, conoscerle in modo trasparente».

Moanco o Lembo, chi teme di più?

«Al momento, noi riteniamo di essere una proposta alternativa ad entrambi. Cerchiamo di portare avanti il nostro progetto e di convincere le persone che abbiamo un progetto valido perchè ci crediamo e riteniamo che la scelta debba essere fatta dai cittadini».

Non pensa che il Movimento 5 Stelle, a Campagna, possa essere penalizzata perchè ha solo una lista, a differenza degli altri due candidati?

«Se facciamo un ragionamento in termini di candidati, singoli voti e lista si, sembra essere una deduzione matematica però noi puntiamo a risvegliare le coscienze e far capire alle persone che devono andare un po’ oltre il puro legame di amicizia o familiare e cercare di fare una scelta dettata dal loro cervello».

Campagna è l’unico comune del salernitano che avrà, un candidato sindaco del Movimento 5 Stelle. Una bella responsabilità per lei…

«Sì, di questo ne siamo consapevoli e stiamo cercando di impegnarci al massimo».

Comuni come Pontecagnano e Pellezzano alla fine non sono riusciti a dar vita ad una lista pentastellata. Un lavoro tardivo, come diceva Angelo Tofalo, a dispetto di quanto accaduto a Campagna dove siete stati in grado di lavorare sia per le politiche sia per le amministrative.

«Sicuramente a noi dispiace. Fino all’ultimo speravamo che anche altri comuni potessero il simbolo 5 Stelle sui territori perchè noi all’interno del movimento condividiamo un’idea comune che è quella di portare una serie di progetti nei quali noi crediamo, soprattutto sul territorio perchè è davvero importante». Crede che il quadro nazionale possa, in qualche modo, influire negativamente a livello locale? «Noi stiamo cercando davvero di impegnarci sul territorio e far capire alle persone che siamo un’alternativa valida quindi non pensiamo possa esservi questo grande collegamento con le dinamiche nazionali. Confidiamo in una soluzione positiva anche a livello nazionale per tutti i cittadini».

Se potesse lanciare un appello agli elettori cosa direbbe?

«Dopo tanto tempo esiste davvero un’alternativa proposta da persone che sono libere, nessuna delle quali ha un interesse particolare ad entrare nell’amministrazione del territorio ma hanno deciso di esporsi per un progetto comune. Io chiedo alle persone di valutare concretamente tutte le proposte, di ascoltare tutti e di scegliere la proposta che ritengono più valida»




Tofalo: «Con Virginia abbiamo premiato chi si è impegnato»

Erika Noschese

Il Movimento 5 Stelle, non cavalca l’onda del successo, non in pieno almeno. In vista delle elezioni del prossimo 10 giugno per il rinnovo del consiglio comunale, infatti, solo Campagna sarà “a 5 stelle”. Tentativo fallito, dunque, a Pellezzano e Pontecagnano nonostante i vari tentativi di dar vita ad una lista e giocarsi anche questa tornata elettorale. A confermarlo è il deputato Angelo Tofalo che, di fatto, smentisce la presenza di una lista già pronta ma non resa nota in attesa dell’ok dei vertici nazionali. «Ci sono stati diversi tentativi, a Pellezzano. Le persone si sono impegnate e hanno fatto un bel lavoro ma forse tardivo, anche in termini di documentazione», ha dichiarato infatti l’onorevole, spiegando di essere stato impegnato con le Politiche che non hanno poi permesso di rispettare le scadenze, nonostante la deroga. «Vorrei essere smentito nelle ultime ore ma so che la documentazione è già stata inviata, come a Campagna e dunque, nessuna sorpesa a Pellezzano». Situazione simile anche a Pontecagnano dove, a detta di Tofalo, ci sarebbe stata una grande mobilitazione, pur non raggiungendo gli obiettivi sperati. «Bisogna premiare chi si impegna per il territorio. A Campagna hanno fatto un lavoro incredibile, parallelamente alle Politiche e l’errore fatto a Pellezzano è che, forse, qualcuno si è fermato sul territorio, nella fase delle politiche». Dunque, solo Campagna proverà a raggiungere lo scranno più alto del Comune con una candidata pentastellata, Virginia Luongo «una donna – sostiene l’onorevole salernitano – veramente in gamba che ha messo in campo una lista forte. Noi abbiamo messo in campo un’unica lista contro una vera e propria armata: da un lato ci sono sei liste, dall’altra sette ma ho sentito che Virginia è molto apprezzata». «Stiamo cercando di crescere con le risorse e abbiamo progetti validi, con il massimo sostegno». Una situazione, quella dei 5 Stelle, che a livello nazionale non è ben definita in virtù di quanto sta accadendo per la formazione del governo. Non temete che possa influire negativamente a livello locale? «A livello locale è l’inverso. Ci accusano di fare i flop a livello locale ma credo che il messaggio che continuiamo a dare è premiare il progetto, con un’unica lista senza candidare parenti e amici». Degni avversari di Virginia Luongo sono Andrea Lembo ed il sindaco uscente Monaco. Chi temete di più? «Temiamo più il fatto che magari le persone non votino il programma ma l’amico, il familiare vista la presenza di tante liste. Mi auguro che i campagnesi possano cambiare registro e non votare le solite liste civetta. di destra e sinistra. Noi abbiamo un programma molto articolato e speriamo di essere premiati». Dunque, tutto pronto a Campagna per affrontare le elezioni del 10 giugni.