Sversamenti illeciti nel fiume Vallemonio, indagati Mimmo Volpe e Nello Fiore

Scritto da , 26 ottobre 2016
Nello Fiore

di Andrea Pellegrino

Sversamenti illeciti nel torrente Vallemonio, Mimmo Volpe e Nello Fiore finiscono sul registro degli indagati. Si apre l’inchiesta a Bellizzi sugli scarichi fognari. La Procura della Repubblica di Salerno, attraverso il pm Silvio Marco Guarriello, ha trasmesso due avvisi di garanzia per omissioni in atti di ufficio e reati ambientali. Ad essere coinvolti sono Mimmo Volpe, primo cittadino di Bellizzi (difeso dall’avvocato Antonio Cammarota) e Nello Fiore, presidente (di recente riconfermato) dell’Asis e consigliere regionale di Campania Libera. E nei giorni scorsi sarebbe scattato anche il sequestro degli impianti su disposizione del Gip Berni Canani, per poi essere dissequestrati subito dopo per consentire gli immediati interventi di messa in sicurezza. L’operazione è stata condotta dalla Guardia di Finanza ed alla base ci sarebbe la presenza eccessiva – a quanto pare – di escherichia coli nelle acque del fiume. La presenza dei batteri sarebbe stata causata da scarichi illeciti provenienti da due diverse tubature. A nulla, al momento, sarebbe servita la difesa del primo cittadino di Bellizzi Mimmo Volpe che avrebbe cercato di dimostrare la sua estraneità ai fatti, in considerazione di un affidamento esterno della gestione degli impianti che sono appunto in capo all’Asis. Al vaglio del pubblico ministero ci sarebbero ancora tutti gli atti sequestrati dalla guardia di finanza.

Consiglia