Statua della Madonna al santuario di Montalbino: monsignor Mimmo Cinque, «Stiamo valutando l’accaduto»

Scritto da , 3 aprile 2016
image_pdfimage_print

NOCERA INFERIORE. «Stiamo valutando quanto accaduto». Monsignor Mimmo Cinque rettore del santuario della Madonna dei Miracoli a Montalbino, è cauto sulle presunte lacrime apparse per due volte sul volto della statua della Madonna di Fatima, conservata all’interno dell’edificio sacro. «Quando è accaduta la prima presunta lacrimazione, ho asciugato il volto della Madonna che era bagnato, un’operazione volta alla presenza dei fedeli. Ho toccato sia il volto che gli occhi e non è uscito nulla. Ho assaggiato le lacrime e non avevano alcun sapore salmastro». Il Vescovo, Monsignor Giuseppe Giudice, è stato informato e sta seguendo l’evolversi della vicenda. «Può trattarsi di un evento riconducibile a diversi motivi, quindi stiamo a vedere e stiamo valutando quanto accaduto» sottolinea Monsignor Cinque che aggiunge andremo avanti come al solito, la Chiesa è aperta regolarmente e domani pomeriggio – oggi pomeriggio per chi legge- ci sarà la messa domenicale». Poco prima dell’arrivo del sacerdote si sarebbe ripetuto successivamente tanto che alle 20.00, ora in cui sono state scattate le foto dai colleghi di RTlive, le uniche dell’episodio e pubblicate in esclusiva dalle Cronache. Che si tratti o meno di lacrime o di una trasudazione, lo stabiliranno sicuramente gli esperti, che potrebbero essere incaricati a breve dalla stessa curia. L’ultimo episodio che aveva lasciato interdetti le persone risale al 2004, si era verificato con lacrime che sarebbero state versate tra il 27 giugno al 1 luglio di quell’anno. Grande la commozione in città, che ora cerca di comprendere se si tratti o meno di un evento prodigioso. La massima prudenza è d’obbligo per far si che si accerti il presunto miracolo senza dare vita a fenomeni di superstizione o di delirio collettivo. L’ istituzione ecclesiastica accerteranno se si tratta di un evento prodigioso.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->