Somma: “Il litigio Cose di campo. Difesa da rivedere, serve una punta”

Scritto da , 5 agosto 2014
image_pdfimage_print

Al termine dell’amichevole parla Mario Somma che preferisce non commentare il litigio con Paletta: “Sono cose di campo. ha detto il tecnico che mascono e muoiono li. Sono molto soddisfatto della prestazione della squadra, ovviamente non dobbiamo dimenticare che affrontavamo un avversario di grande livello. Come dico sempre, i campionati si vincono con le difese forti e da questo punto di vista stiamo crescendo molto: come reparto abbiamo lavorato benissimo, le uniche ingenuità sono state individuali”. Dal punto di vista tattico, Somma sostiene che “è una squadra che può giocare con il 4-2-3-1, soprattutto perché tutti stanno adattandosi in ruoli mai ricoperti prima. Sono esperimenti che in precampionato un allenatore è giusto che faccia, le risposte sono state positive. Colombo, ad esempio, potrebbe giocare spesso come quinto in un centrocampo a destra, stiamo lavorando su tantissime soluzioni. Volpe? E’un trequartista che non salta l’uomo, ma che fa girare bene la palla, ottima prestazione così come quella di Gabionetta”. Sul mercato Somma è ermetico: “Non so se arriverà Giandonato, so soltanto che è un ottimo calciatore che detta alla perfezione i tempi della manovra, eventualmente dovremo lavorare sui suoi movimenti in fase difensiva. E’chiaro che serve qualcosa in attacco, siamo ancora un cantiere aperto: abbiamo provato a convincere giocatori importanti, qualcuno ci ha detto di no e la società sta lavorando per colmare le lacune. In difesa stiamo bene ed ho fiducia in entrambi i portieri, bisogna dare tempo a Russo”. Sugli spalti anche la sua famiglia: “Sono di Salerno e tifosi della Salernitana, al mio esordio non potevano mancare e sono felicissimo che siano venuti. Un grande in bocca al lupo a mio figlio: sta vivendo un’esperienza straordinaria, gli auguro tutto il meglio”. Infine sul prossimo campionato: “Sono abituato al girone meridionale, un giudizio potremo darlo tra qualche settimana, ma di certo c’è che la Salernitana sarà protagonista. Avevo capito da tempo che l’orientamento di Macalli era questo, non possiamo far altro che prendere atto”. Gaetano Ferraiuolo

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->