Smart speaker 2018: quale scegliere ?

Scritto da , 18 Dicembre 2018
image_pdfimage_print

Manca poco al Natale, e visto che il 2018 sembra essere l’anno degli smart speaker, vediamo di fare chiarezza su quale possa essere quello più performante.

Iniziamo con il dire che queste piccole e stilose casse sono dei veri e propri maggiordomi digitali che ad ogni vostro comando eseguiranno delle operazioni.

Il loro funzionamento è molto semplice, sono casse connesse Wifi e bluetooth con un sistema intelligente integrato, ognuno è dotato di uno o più microfoni capaci di riconoscere i comandi vocali dell’utente. Poi tramite connessione Wifi e con sistema operativo e connessione Wifi, lo speaker elaborerà le richieste.

Secondo Business Insider nel 2017 erano 35 milioni le unità vendute, nel 2018 il numero in previsione è di circa 56,3 milioni, è in assoluto l’accessorio di elettronica più richiesto.

I modelli in commercio sono davvero tanti, ma in questo articolo ci focalizzeremo su due modelli in particolare: Google Home o Amazon Echo.

Google Home è consigliato per chi usufruisce quotidianamente dell’ecosistema Google (Google play, Google Chromecast etc.), chi vuole utilizzare lo smart speaker per la ricerca di informazioni per la quotidianetà (calcolo percorso, meteo, promemoria.). Google Home ha un design simpatico con possibilità di personalizzazione, la griglia che copre gli speaker infatti è intercambiabile, per abbinare colorazioni diverse che meglio si adattano al vostro ambiente. L’audio non male, ma naturalmente non regge i confronti con JBL o l’Home Pod (non ne parleremo in questo articolo).

Google Home mini

Il suono è migliore di ciò che ci si può aspettare da un gadget così piccolo, con un’uscita audio da 3,5mm, che suggerisce all’utente di utilizzarlo con un altro speaker, associabile ad altri diffusori tramite bluetooth.

Per quanto riguarda il design, Google Home Mini si presenta con una forma meno compatta. Una cura nel design per niente casuale, che rende il dispositivo quasi invisibile, ecco perchè la scelta di nascondere i comandi per il volume.

Qui il link: https://store.google.com/it/category/connected_home

Amazon Echo è consigliato per chi usufruisce quotidianamente dell’ecosistema Amazon (Shopping, Prime, Amazon Music, Amazon Kindle, Audible, Kindle e Prime Video). Ha un suo sistema integrato di assistenza vocale proprietario e si chiama Alexa. Riproduce musica, chiama, risponde al telefono, ed è possibile impostare la sveglia. Ovviamente viene tutto legato all’ecosistema Amazon, tra Music Unlimited, lettura di Kindle, acquisti nel marketplace e accordi con altri servizi esterni (da SkyTG24 a Philips HUE, a JustEat). I modelli di smart speaker venduti al pubblico italiano sono quattro: l’Echo Dot, l’Echo Standard, il Plus e l’Echo Spot. I prezzi sono molto vantaggiosi, soprattutto  se pre-ordinati adesso ( link qui)

Amazon Echo Dot, è il più piccolo ed economico della gamma, proprio come Google Home mini, il prezzo è di 59 €. Ha un driver interno da 41 millimetri, che garantisce una qualità audio più che buono. Sulla base superiore vanta quattro tasti: due per il volume, uno per l’attivazione e l’altro per lo spegnimento microfono. È il miglior modo per entrare a far parte del mondo Alexa e provare l’ebbrezza di avere un assistente “factotum” a casa. Qui trovate il link diretto al prodotto .

In conclusione, la scelta deve essere dettata dalle vostre esigenze. Se siete amanti della musica e cercate uno speaker che si sostituisca a un impianto audio con prestazioni elevate, allora meglio optare per altri speaker, studiati apposta per questo.  Se invece la finalità è l’utilizzo di un assistente e un ascolto senza pretese, allora sia Google Home che Amazon Echo sono degli ottimi prodotti.

Cosa ne pensi? Cosa hai scelto di acquistare ?

Scrivilo nei commenti

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->