Sicurezza dei dipendenti comunali: La Cgil chiede l’accesso in Comune

Scritto da , 20 ottobre 2016
Vietri_sul_mare

di Brigida Vicinanza

VIETRI SUL MARE Una richiesta di accesso ispettivo arriva tra i corridoi del Comune di Vietri sul Mare. Ad inoltrarla sono stati il responsabile del comparto Autonomie locali della Cgil funzione pubblica, Ornella Zito e il coordinatore della stessa sezione sindacale Alfonso Rianna che, con una nota indirizzata al dipartimento prevenzione e sicurezza dell’Asl di Salerno e per conoscenza ai dipendenti e al sindaco del comune Francesco Benincasa, hanno presentato istanza per poter accedere al municipio. Diversi sono i motivi segnalati dai sindacalisti a supporto della loro richiesta: violazioni in materia di sicurezza sul lavoro; mancata consegna al personale della polizia locale dei dispositivi di protezione individuale e mancato rispetto della periodicità delle visite mediche e relative analisi cliniche. Una era stata già inoltrata nel mese di settembre, per chiedere delucidazioni in merito alla sicurezza e alle visite mediche non effettuate, nonché per la questione delle divise non consegnate alla Polizia Municipale. La risposta era arrivata soltanto dalla segreteria generale del comune costiero che informava il sindacato che la richiesta sarebbe stata inoltrata, a sua volta, ai responsabili di settore. “E’ rimasta lettera morta, da circa 20 giorni non abbiamo ricevuto risposta, nonostante sia passato più di un mese” ha sottolineato Alfonso Rianna, che ora auspica in un riscontro in tempi celeri, altrimenti si andrà avanti e in mancanza di risposta infatti, come scrivono in una nota i responsabili Cgil “ci si riserva di adire l’autorità giudiziaria competente”. Un “campanello di allarme” che ha destato sospetti tra i consiglieri comunali di opposizione al Comune di Vietri sul Mare e che ora sperano che possa essere fatta luce in fretta sulla questione sicurezza dei lavoratori soprattutto. Alessio Serretiello ha infatti dichiarato: “Un fatto che, se provato, risulterebbe gravissimo e di cui le responsabilità oggettive ricadrebbero in capo al sindaco ed alla sua giunta. Ci auguriamo si faccia chiarezza quanto prima possibile su questa vicenda, non è più pensabile che nel 2016 non siano assolti i più basilari adempimenti di sicurezza previsti dalle normative vigenti. La sicurezza dei lavoratori è un argomento troppo importante per essere trattato con superficialità”

Consiglia