“Sì ai tamponi dai medici di base ma bisogna individuare spazi esterni”

Scritto da , 24 Novembre 2020
image_pdfimage_print

di Erika Noschese

Sì ai tamponi presso gli studi medici ma in strutture esterne e in totale sicurezza. È quanto chiedono i medici di base del salernitano, disposti – ancora una volta – a mettersi al servizio dei propri pazienti. In questi giorni, si sprecano le accuse e le critiche da parte di pazienti che vorrebbero visite a domicilio, pur essendo casi sospetti o già positivi. A chiarire il punto in questione era stato, attraverso queste colonne, il presidente dell’ordine dei medici Giovanni D’Angelo, spiegando che questo compito spetta all’Usca. E su questo, invece, le opinioni sono discordanti. Se da un lato, infatti, il dottor Pino Carrese medico di base di San Cipriano Picentino conferma che spetta all’unità speciale di continuità assistenziale, per il dottor Ernesto Ciccone, con studio presso Valva e Castelnuovo di Conza, un dottore non dovrebbe mai sottrarsi ai suoi obblighi.

L’articolo completo sull’edizione digitale di oggi

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->