Sfratti, è emergenza a Salerno

Scritto da , 8 febbraio 2014

di Andrea Pellegrino

Tempo di crisi, tempo di sfratti. La nuova emergenza è dietro l’angolo e la bomba sociale se esplosa sarà devastante. Sull’uscio ci sono già centinaia di famiglie che rischiano di rimanere fuori dalle loro abitazioni. Secondo i primi dati, su base provinciale gli sfratti ormai giunti alla fase esecutiva sarebbero già cinquecento, di cui 150 circa a Salerno città. Si tratterebbe di situazioni di estrema emergenza. In poche settimane infatti gli inquilini potrebbero ritrovarsi senza la loro casa. A Salerno, sull’emergenza sfratti, interviene Fratelli d’Italia attraverso una nota a firma del portavoce provinciale Rosario Peduto e del delegato alle politiche sociali del partito Antonio Zarrillo. Oltre a lanciare l’allarme, in città c’è un problema in più: non esiste, al momento un bando perenne per l’assegnazione degli appartamenti Erp. «Vogliamo formulare un appello-proposta al Comune di Salerno ed in particolare all’assessore alle Politiche Sociali ed al presidente della commissione consiliare omonima, rispettivamente Savastano e Provenza: di fronte all’aumento esponenziale degli sfratti anche nella nostra città, segno fra i più evidenti e drammatici di una crisi economica divorante, riteniamo – dicono Peduto e Zarrillo – che il Comune di Salerno non può continuare nell’assenza di metodo e trasparenza nei criteri di assegnazione degli alloggi popolari disponibili. Come già sottolineato nei giorni scorsi dalla Cisl e dal Sicet, il sindacato degli inquilini, è tempo che l’amministrazione comunale predisponga un bando perenne per la locazione non temporanea e non costantemente precaria degli alloggi popolari disponibili: è infatti assolutamente necessario sottrarre questa delicata materia alla formulazione – ogni sei mesi – di una graduatoria per l’assegnazione temporanea che di fatto viola le regole sulla trasparenza a causa dell’inserimento periodico – ma non razionalmente “normato” – delle realtà di emergenza che di volta in volta si verificano sul territorio, atteggiamento amministrativo questo che ha il solo risultato – ormai divenuto cronico – di far passare per abituali i criteri dell’emergenza. Proprio per questo noi chiediamo all’assessore Savastano ed al consigliere Provenza di intervenire da subito sulla questione promuovendo la creazione di una commissione comunale ad hoc, per la realizzazione di un bando di assegnazione perenne delle case popolari, commissione che preveda anche e soprattutto – nella sua composizione – la presenza dei rappresentanti delle organizzazioni sindacali, a garanzia delle famiglie sfrattate».

Consiglia