Sequestri e multe per 2 milioni e mezzo

Scritto da , 23 dicembre 2017
image_pdfimage_print

Pina Ferro

Sequestrati 4,5 tonnellate di prodotti alimentari non sicuri poichè conservati in pessime condizioni igienico sanitarie e pronti ad essere venduti con l’etichetta di “prodotti freschi e genuini” o, perchè non tracciabili. Denunciati due imprenditori ed elevate contestazioni per un importo di 30mila euro. Il valore complessivo dei provvedimenti posti in atto (tra sequestri e sanzioni) ammonta ad oltre due milioni e mezzo di euro.
L’operazione è stata posta in atto dai carabinieri del Nucleo antisofisticazione dei carabinieri agli ordini del maggiore Vincenzo Ferrara e rientra nella serie di specifici controlli attuati  nel settore della ristorazione, produzioni dolciarie, produzioni lattiero casearie e pastifici in questi giorni prefestivi. Si tratta di un’attività preventiva posta in essere per evitare che la maggiore richiesta di alcuni beni alimentari potesse essere alla base di comportamenti illeciti.
In particolare sono state ispezionate attività commerciali e produttive ubicate nei comuni di Salerno, Scafati, Baronissi, Sarno, Corbara, Eboli, Battipaglia, Montesano sulla Marcellana, Pontecagnano Faiano, Tramonti. Nel corso delle ispezioni sono stati sottoposte a sequestro oltre 4,5 tonnellate di prodotti alimentari (carni, salumi, ittici, lattiero caseari e dolciumi), in alcuni casi detenuti in pessimo stato di conservazione, in altre circostanze non “tracciati”, comunque, pronti per essere commercializzati come prodotti “freschi e genuini” agli ignari acquirenti, in occasione delle imminenti Festività Natalizie.
Inoltre, si è proceduto alle chiusure “ad horas” di un intero caseificio, di due esercizi di ristorazione, di tre pasticcerie, di vari depositi adibiti allo stoccaggio di prodotti alimentari, nonché alla sospensione dell’attività di somministrazione di alimenti presso cinque stand enogastronomici, ubicati all’interno dei mercatini natalizi, in quanto non conformi agli standard igienico sanitari, strutturali ed organizzativi previsti dalla normativa di settore.
Rilevate varie violazioni alle disposizioni previste dalla legislazione vigente in tema di tutela della salute e sicurezza luoghi di lavoro, relativamente alle posizioni di impiego dei dipendenti di alcune delle aziende ispezionate, con conseguente denuncia a piede libero di due imprenditori e contestazione di sanzioni amministrative per 30.000,00 euro.
A Salerno sequestrati ben sessanta panettoni
Nel dettaglio, controlli e sequestri hanno interessato i territori di: Montesano sulla Marcellana: sequestrati circa 1500 kg di prodotti lattiero caseari in cattivo stato di conservazione all’interno di un caseificio e chiuso l’interno opificio di circa 250 mq a causa delle gravi condizioni iginieco sanitarie-strutturali ed organizzative in cui versavano gli ambienti ispezionati.
Pontecagnano Faiano: controllati due ristoranti all’interno dei quali sono stati sequestrati circa 500 kg di alimenti detenuti in pessimo stato di conservazione e chiusi due depositi di alimenti che versavano in gravi condizioni igienico sanitarie/strutturali
Tramonti: controllato un ristorante all’interno del quale sono stati sequestrati circa 50 kg di alimenti non tracciati e chiuso l’intero ristorante di circa 60 mq che versava in precarie condizioni igienico sanitarie/strutturali;
Salerno: controllata pasticceria in centro storico all’interno della quale sono stati sequestrati circa 60 panettoni non tracciati;
Eboli controllata una pasticceria ove venivano sequestrati oltre 150 kg di dolciumi non tracciati;
Baronissi controllata una pasticceria ove venivano sequestrati oltre 30 kg di dolciumi non tracciati;
Battipaglia controllata una pasticceria all’interno della quale veniva inibito l’uso di un deposito di alimenti di circa 50 mq a causa delle precarie condizioni igienico sanitarie/strutturali,
Sarno: controllata una pasticceria che veniva immediatamente chiusa a causa delle precarie condizioni igienico sanitarie e strutturali.  All’interno sono statui inoltre rinvenuti e sequestrati 150 kg di dolciumi non tracciati, contestate 8 sanzioni amministrative, per un importo di oltre  20.000,00 euro, concernenti la presenza di 7 dipendenti irregolari identificati all’interno dell’esercizio;
Corbara: controllato un pastificio al cui titolare venivano contestate sanzioni amministrative per un importo di oltre 7.500,00 per violazioni della normativa inerente la sicurezza sui luoghi di lavoro;
Baronissi: a seguito del controllo in una pasticceria venivano sequestrati 600 kg di prodotti dolciari non tracciati;
Salerno: controllati circa 20 stand enogastronomici interni ai mercatini natalizi. Al termine del controllo sospesa l’attività di preparazione e manipolazione degli alimenti in 5 stand che versavano in precarie condizioni igienico-sanitarie e strutturali.
Scafati: chiuse due intere pasticcerie di circa 140 mq per precarie condizioni igienico sanitarie e strutturali degli ambienti ispezionati e sequestro di circa 1400 kg di prodotti dolciari non tracciati;
Il valore complessivo dei provvedimenti ammonta ad oltre due milioni e mezzo di euro.
scafat
Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->