Sequestrate dalla Procura le fonderie Pisano

Scritto da , 24 giugno 2016
image_pdfimage_print

I Noe hanno sequestrato, su disposizione della Procura le fonderie Pisano. Sette persone indagate.

Con un comunicato di non molte righe la Procura di Salerno ha emanato un provvedimento di urgenza di sequestro dell’impianto delle Fonderie Pisano di Salerno. Nel comunicato a firma del dott. Lembosi apprende che a seguito delle indagini condotte, l’impianto Fonderie Pisano Spa risulta privo di autorizzazione in quanto quella presente è illegittima, illecita e inefficace. Inoltre l’industria non rispetta i limiti e le prescrizioni imposte dalla pur illegittima autorizzazione in materia di ambiente e inquinamento. Tra i reati contestati scarichi inquinanti; gestione illecita dei rifiuti speciali; emissioni nocive in atmosfera; violazione della normativa antincendio; abuso d’ufficio, falsità materiale ed ideologica. Inscritti nel registro degli indagati sette persone.

Fondamentale a quanto si apprende sempre nel comunicato, le numerose segnalazioni di cittadini e comitati che hanno denunciato da tempo lo stato di disagio e invivibilità creato dai fumi e dalle esalazioni provenienti dalle Fonderie.

Consiglia

1 Commento

  1. Tony S.

    25 giugno 2016 at 09:22

    E vai… io abito la vicino da oltre 30 anni, e la chiusura andava fatta moltissimi anni fa. Adesso è tardi per chi non c’è più, ma ancora presto per chi è rimasto.

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->