Semi, la famiglia insieme. Primo appuntamento domani nella parrocchia di Santa Croce

Scritto da , 17 Giugno 2021
image_pdfimage_print

Si scrive Semi, si legge Famiglia. Nel mezzo una bellissima storia da scrivere insieme, grandi e piccini. E’ il progetto di ‘coltivazione sociale’ nato per favorire la crescita di relazioni positive, sentimenti di appartenenza felice alla comunità e opportunità d’incontro e confronto attraverso un ricco e variegato calendario di appuntamenti. Nel perimetro della città di Salerno come al di là dei suoi confini. Nel segno della condivisione ideale e della partecipazione reale. L’idea è dell’associazione di promozione sociale Opera, in particolare del responsabile comunicazione e progetti Matteo Gallo e del responsabile Terzo Settore Nicola Ciancio, il cui impegno è stato decisivo per la costituzione di una preziosa ‘rete’ di collaborazione, virtuosa nelle motivazioni e operativa nel lavoro. Fondamentale l’abbraccio affettuoso e generoso del Rotary Club Salerno Est, in particolare del presidente Dino Bruno che ha sposato immediatamente lo spirito del progetto accendendo la scintilla dei sogni che dal firmamento stellato hanno raggiunto la terra ferma. La prima tappa di Semi sarà ospitata domani nella Parrocchia di Santa Croce. La seconda negli spazi dell’oratorio della parrocchia di San Felice, a Matierno, venerdì prossimo. La segreteria organizzativa ha già chiuso la lista dei partecipanti per assicurare lo svolgimento dell’iniziativa nella più stretta osservanza dei protocolli di sicurezza in materia di covid. L’inizio è previsto alle 18. L’associazione Yoyo, guidata da Monica Martucci e leader nel settore dell’intrattenimento con una lunga e qualificata esperienza alle spalle, curerà la dimensione ludico-ricreativa. In programma una lettura animata di favole con personaggi del mondo delle fiabe e dei cartoni animati che interagiranno e giocheranno con i bambini. La presenza di postazioni per il ‘truccabimbi’ e la ‘Ballo Art’ arricchiranno, con intense note di colore, una atmosfera che già si annuncia magica, senza tempo per quella capacità di custodirsi nella memoria del cuore di chi vi prenderà parte. L’associazione “Sorriso a Ritmo”, presieduta da Alessio Coppola, si occuperà invece dei laboratori musicali e creativi ludico-formativi. Per l’occasione sarà tenuto a battesimo un nuovo format di ‘Circle Drum’ dal nome ‘Per-Sòna’. Si tratta di uno strumento di formazione, aggregazione, confronto ed interazione intergenerazionale. L’attività laboratoriale consiste nella realizzazione di strumenti musicali Orff con materiale di scarto e di riciclo. Dagli strumenti ottenuti -shaker, maracas, nacchere, tamburelli e tanti altri- si proseguirà poi con l’apprendimento delle nozioni base musicali attraverso il gioco e favorendo soprattutto la percezione ritmica dei partecipanti. Il format terminerà con l’utilizzo della voce, strumento naturale per eccellenza, che sarà associata all’attività motoria del corpo e infine trasmessa sugli strumenti a percussione. Una esperienza coinvolgente che unirà grandi e piccini nella condivisione di uno spazio emozionale comune. Il progetto Semi nasce in ‘Opera’ per farsi, più in generale, opera buona al servizio della comunità salernitana. A settembre toccherà i parchi e i quartieri della città con un programma ulteriormente impreziosito. Gli ideatori stanno già lavorando anche a un doppio momento di sintesi, invernale ed estivo. L’associazione salernitana di promozione sociale, come sottolineato dal responsabile Terzo settore Nicola Ciancio, vuole avviare un dialogo strutturale con le istituzioni pubbliche, le realtà professionali e aggregative per costruire una ‘rete’ stabile sul tema della famiglia. Si punta a valorizzare e stimolare le capacità e i talenti dei bambini calendarizzando un programma annuale di iniziative e attivando una piattaforma digitale per comunicare all’esterno l’attività pregressa e in fieri.

m.g.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->