Scrivere per il web: cosa devi sapere

Scritto da , 30 luglio 2014

L’evolversi dei mezzi di comunicazione ha portato una differenza anche nel campo della scrittura, con il giornalismo 2.0 così come viene chiamato.

Oggi con la nascita di numerosi siti e l’importanza che i contenuti testuali hanno assunto per l’indicizzazione, la scrittura per il web è diventata una vera e propria arte.

 

La scrittura per il web o web writing, come da termine inglese, presenta una serie di caratteristiche peculiari e di accortezze da tenere a mente quando ci si appresta a scrivere un testo.

È indispensabile avere conoscenze base di internet, del funzionamento e delle dinamiche dei motori di ricerca, altrimenti il nostro testo verrà superato e sepolto dalle continue notizie messe on line.

Queste regole valgono per qualsiasi tipo di testo venga scritto, dal comunicato stampa al testo del proprio sito, al post del proprio blog.

 

Chi è abituato a scrivere in altri campi, come l’editoria cartacea, è avvantaggiato ma dovrà rivisitare il proprio stile tenendo conto delle regole di rete.

Uno dei primi consigli che viene dato quando si parla di scrittura per il web è quello di mettersi nei panni dell’utente: sembra strano ma è partendo da questo piccolo suggerimento che anche i motori di ricerca valutano i contenuti testuali.

Un articolo per il web deve essere scritto per gli utenti, immedesimarsi in loro e capire se quello che stiamo scrivendo sarà effettivamente di utilità per il lettore.
Il testo deve essere accattivante, originale e scritto in modo semplice.

Questo perché l’attenzione dell’utente davanti allo schermo è minore rispetto al cartaceo, la sua lettura è molto veloce e coglie solo alcuni punti.

È consigliabile anche citare sempre le fonti e, quando possibile, linkarle così da avvalorare la nostra tesi e dare ulteriori informazioni.

 

di Letizia Giugliano

Consiglia