Scafati. Tari 2017, arriva una riduzione del 10%

Scritto da , 5 aprile 2017
4-nuove-tasse

Di Adriano Falanga

Buone nuove sul fronte Bilancio 2017, in particolare sull’imposta Tari. Ci sarà, finalmente, una riduzione oscillante sul 10% per ogni famiglia scafatese. La riduzione è stata possibile grazie alla rimodulazione del Pef 2017 dell’Acse. In un primo momento la commissione straordinaria aveva dato il via libera per un importo di 11,5 milioni di euro, tanto quanto l’esercizio 2016. E’ stato l’ex sindaco Pasquale Aliberti a contestare vivacemente la delibera. << E’ da questa cifra che sarà determinata la tariffa per i rifiuti urbani, a Scafati già altissima rispetto a tutti gli altri comuni del salernitano. Il PEF (Piano Economico Finanziario) tiene conto dei costi di gestione Acse, dei costi comuni e dei costi d’uso del capitale e l’intera somma deve essere coperta dal solo introito della Tari. <<Inaudita la cifra di 11,3 milioni deliberata per Scafati: Eliminato il servizio spazzamento, circa 10 operai andati in quiescenza, non utilizzo di operai stagionali, sentenza del Tar che stabilisce non dovuto il trasferimento di parte del tributo alla Provincia relativo all’ammortamento dei costi del termovalorizzatore di Acerra. Sentenze e un servizio scadente che consentono un risparmio sui costi di almeno 1,5 milioni di euro sul quale si sta facendo un chiaro valore contabile, servono per coprire costi non definiti?>> le parole dell’ex primo cittadino. Accade che la partecipata scafatese rivede al ribasso la relazione prodotta, in particolare decurta di un milione di euro l’importo dei costi di gestione della società. Si arriva così a 10,5 milioni di euro. Da questo importo il ragioniere capo Giacomo Cacchione ha ridefinito i coefficienti per l’anno in corso. Si pagherà in 4 rate mensili consecutive, a partire dal 30 giugno. Per capire la differenza, prendiamo come campione un appartamento di 100 mq. Tre occupanti nel 2016 hanno pagato 466 euro, quest’anno pagheranno 403. Per lo stesso appartamento 4 occupanti nel 2016 hanno pagato 504 euro, pagheranno adesso 440 euro. Una media di sconto del 10%. Risparmiare era possibile.

“ADESSO SCONTI AI VIRTUOSI”

1-acse<<Un milione di euro. E’ questa la cifra decurtata dal Pef riaggiornato dell’Acse che la commissione straordinaria ha voluto decurtare portando ad un risparmio per cittadini e contribuenti rispetto alle nuove tariffe della Tari>>. Così Francesco Carotenuto, portavoce di Scafati Arancione. <<Un passo importante anche alla luce dell’incontro avuto nei giorni scorsi nel quale depositammo la nostra proposta di abbattimento della tariffa. In media si dovrebbero risparmiare intorno ai 50 euro rispetto all’anno scorso e a due anni fa. Un’azione importante nonostante il poco tempo avuto a disposizione dalla triade commissariale che ha comunque ascoltato gli appelli di chi, come noi, si batte da anni per la riduzione della Tari e per una tariffazione progressiva ed equa, che tenga conto delle condizioni economiche e sociali dei contribuenti. Continuiamo, tuttavia, a contestare gli 850 mila euro destinati a Geset per il servizio di riscossione, chiedendo che questo venga internalizzato, con conseguenze senz’altro positive per la comunità. Adesso è necessario concentrarci sugli sgravi fiscali e premialità per le famiglie virtuose così da portare la percentuale di RD a livelli da paese civile, con benefici non solo sotto il profilo economico, ma anche sotto il profilo del decoro urbano, in questi anni lasciato alla mercé di rifiuti e inciviltà. Gli scafatesi non meritano né una città sporca né una tariffa tra le più alte della provincia>>

 

 

Consiglia