Scafati. PPI allo Scarlato, Tortora: “esiste ma bisogna potenziarlo”.

Scritto da , 7 Agosto 2015
image_pdfimage_print

Di Adriano Falanga

Fa chiarezza il direttore sanitario dell’ospedale Scarlato di Scafati, il dottor Aristide Tortora, in merito “all’attivazione del Punto di Primo Intervento” chiesto da Pasquale Aliberti pochi giorni fa. Tali dichiarazioni hanno lasciato pensare che l’Asl di Salerno non avesse ancora attuato quanto previsto e annunciato oltre un anno fa. “Il PPi c’è, il Sindaco chiede, secondo quanto descritto dalla normativa, che svolga funzioni più complesse – spiega Tortora – In particolare, oltre che il trattamento delle urgenze minori e una prima stabilizzazione del paziente ad alta complessità al fine di consentirne il trasporto nel Pronto Soccorso più appropriato, anche un’attività di Osservazione Medica Breve e piccola Chirurgia”. In parole povere, la Regione Campania prevede per i PPI una funzione più complessa rispetto a come questi sono disciplinati in altre regioni italiane. Per “potenziamento” quindi si intende, aggiunge il direttore sanitario: “l’attivazione della triage, una saletta operatoria, la guardia chirurgica e i 2-3 posti letto per l’osservazione medica”. Da qui la missiva che Tortora ha spedito alla dottoressa Montella, direttore dell’Emergenza/Urgenza dell’ASL SA, in cui si chiede un incontro per concordare le modalità organizzative per il potenziamento del PPI di Scafati. “Auspico inoltre che i livelli politici competenti possano prevedere il progressivo reinserimento del Mauro Scalrato nella rete dell’emergenza” è l’augurio, e l’impegno, del neo direttore sanitario.

Aliberti: “Apprezzabile l’iniziativa del Direttore Sanitario”

In merito alla nota inviata dal Direttore Sanitario, Aristide Tortora al Direttore del Servizio di Emergenza Urgenza ASL SA, G. Montella, nella quale avvia l’istituzione del P.P.I. presso il “Mauro Scarlato”, il sindaco di Scafati, Pasquale Aliberti: “Accogliamo con soddisfazione l’iniziativa del Direttore Sanitario. Con la nota da lui inviata si intraprendono finalmente le procedure per l’istituzione del Punto di Primo Intervento per il quale ci siamo battuti in questi anni attraverso anche i ricorsi al TAR. L’auspicio è che in attesa dell’approvazione del Nuovo Piano Ospedaliero di Caldoro da parte dell’AGENAS e del Governo che reinserisce il P.O. di Scafati nella rete dell’emergenza, il P.P.I. possa affrontare e stabilizzare ogni tipo di caso perché la situazione sanitaria nell’Agro è ormai diventata ingovernabile”

Il consigliere con delega alla Sanità, Brigida Marra: “Nonostante le difficoltà, non abbiamo mai perso di vista l’obiettivo. Tutelare il diritto alla salute dei cittadini è ciò che ci ha spinto in questi anni, a non arrenderci. Il P.P.I. è la dimostrazione che i risultati si raggiungono ancora meglio e più tempestivamente, quando si è capaci di lavorare in sinergia. Con questa nota, il DS conferma la volontà di lavorare in un’unica direzione: l’interesse dei cittadini. Saremo presenti ovviamente all’incontro richiesto, rappresentando tutta la nostra disponibilità”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->