Scafati. Polo Scolastico: la Giunta ci prova, ma l’obiettivo è lontano. Ecco perchè

Scritto da , 25 marzo 2016
image_pdfimage_print

Di Adriano Falanga

Intanto l’esecutivo prova ad andare avanti, e con delibera n.72 dell’11 marzo approva la nuova programmazione delle opere da inserirsi nell’accordo di programma del 2012, quanto ai fondi Piu Europa. Le risorse che si sono rese disponibili grazie ai progetti dei retrospettivi corrispondono a circa 10,2 milioni di euro. Saranno completate diverse opere, ma il grosso della cifra andrà a finanziare un ampio stralcio del Polo Scolastico. Nonostante i ristretti tempi per la sua realizzazione, l’esecutivo di Pasquale Aliberti ha deciso di puntare nel Polo, quasi fosse una scommessa non solo contro il tempo, ma anche contro gli scettici. Purtroppo, nonostante l’impegno dell’assessore ai Lavori Pubblici Giancarlo Fele, l’obiettivo è vicino dall’essere irrealizzabile. E sicuramente l’insediamento della commissione d’accesso contribuisce ad allontanarlo. Nel dettaglio, sarà terminato il lotto I° del quartiere Vetrai (13 mila euro scarsi). Il completamento del tratto stradale di San Pietro sarà coperto da 75 mila euro, mentre 38.500 euro andranno per gli adeguamenti antincendio di diverse scuole comunali, mentre saranno completati i paramenti esterni delle scuole medie di San Pietro e di via Martiri D’Ungheria. La messa in sicurezza di alcuni tratti stradali porterà via 165 mila euro, mentre la riqualificazione urbana lotto I e II costerà rispettivamente 430 e 160 mila euro. Il I° stralcio del Polo Scolastico impegnerà quasi 9,2 milioni di euro.

1-inaugurazione polo scolasticoL’amministrazione comunale punta a realizzare il solo primo piano della struttura, con annessa palestra. Sarà inserito nella programmazione 2014-2020 del Piu europa l’esecuzione del lotto II per completare l’opera. In un primo momento la giunta aveva pensato di frazionare i 10 milioni di euro di retrospettivi in diversi lotti a beneficio delle scuole comunali ancora da ristrutturare, una su tutte, la Tommaso Anardi di via Melchiade, oramai sul filo dell’inagibilità. Questa struttura verrà interamente ospitata nel nuovo Polo Scolastico. E’ corsa contro il tempo però, approvata la nuova programmazione occorrerà firmare la modifica all’accordo, poi aderire alla Stazione Unica Appaltante passando per il voto del consiglio comunale, dopodiché espletare tutte le procedure per la gara d’appalto e la sua assegnazione. Il tutto deve essere terminato e collaudato entro il 31 marzo 2017. Un’impresa per l’impresa, conoscendo i tempi medi della burocrazia e soprattutto dei lavori. Il capitolato d’appalto prevede infatti la realizzazione dell’opera in sette mesi, questo significa che entro Luglio il cantiere deve essere operativo. Al momento, c’è solo una delibera di giunta.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->