Scafati. Lunedi 5 giugno parte il nuovo piano viario. Tutte le modifiche

Scritto da , 1 giugno 2017
2-traffico scafati

Di Adriano Falanga

Viabilità, si parte lunedì 5 giugno, dalle ore 10, con il nuovo piano viario voluto dal comandante della Polizia Locale capitano Pasquale Cataldo. L’ordinanza è la numero 27 del 29/05/2017. Sostanzialmente si ritornerà alla vecchia circolazione, puntando ad alleggerire le forti criticità nel flusso veicolare del centro città, che si ripercuotono sistematicamente sull’intero indotto viario. Il nuovo piano tiene conto del tavolo di concertazione tra tecnici comunali, associazioni dei commercianti e consumatori. Ecco il dettaglio delle modifiche.

  • Corso Nazionale: intero tratto da Via Giovanni XXIII a via Duca D’Aosta e con medesima direzione;
  • Piazza Vittorio Veneto: intero tratto da Via Duca D’Aosta a Via Pietro Melchiade e con medesima direzione;
  • via Roma : intero tratto da Via Pietro Melchiade fino all’ingresso di Piazza Garibaldi con medesima direzione;
  • via Zara: intero tratto da via Armando Diaz fino a via Monte Grappa e con medesima direzione;
  • via Monte Grappa:via Monte Grappa intero tratto da via Zara fino a via Galileo Galilei e con medesima direzione;
  • Via Galileo Galilei: Via Galileo Galilei intero tratto da via Monte Grappa a via Leonardo da Vinci con medesima direzione;
  • Via Leonardo da Vinci: intero tratto da via Galileo Galilei a Via Zara e con medesima direzione;
  • Via Leonardo da Vinci: intero tratto da via Galileo Galilei a Corso Nazionale e con medesima direzione;
  • Piazza Garibaldi: intero tratto da via Roma a via Oberdan con medesima direzione;
  • Via Roma: intero tratto da via Oberdan fino all’ingresso di via Roma su piazza Garibaldi con medesima direzione (resta a doppio senso di circolazione il restante tratto da largo Caruso fino a Via Oberdan);
  • Via Pietro Melchiade: intero tratto da via Oberdan a via Roma e con medesima direzione;
  • Via Oberdan: intero tratto da Piazza Garibaldi fino a Via Roma e con medesima direzione;
  • Via Brunelleschi: intero tratto da Corso Nazionale a Via Galileo Galilei e con medesima direzione;
  • Via D’Amaro: intero tratto direzione via Santa Maria La Carità (rione Ferrovia)

DOPPIO SENSO DI CIRCOLAZIONE

  • via Monte Grappa: intero tratto da via Nazionale fino a via Galileo Galilei;
  • via Zara: per i soli residenti dall’ingresso del civico n. 1 fino al civico n. 63;

 

GRIMALDI (Pd): “necessario anche usare di meno l’auto”

5-Grimaldi<<Prima che scoppieranno le nuove – vecchie come il piano viario stesso – polemiche, vorrei dire una ovvietà: al di là del senso di marcia di qualche strada e di qualche divieto di sosta in più o in meno, il problema traffico a Scafati non si risolverà mai se non affrontiamo due questioni>>. Ha una sua proposta l’ex consigliere comunale Michele Grimaldi. <<La prima. L’inciviltà: automobili in doppia e tripla fila e in divieto di sosta (soprattutto a ridosso di incroci e curve) ovunque e comunque. La maggior parte degli “imbuti” nella nostra città si creano così, anche al di là della scellerata programmazione di qualche lavoro pubblico. La seconda – continua Grimaldi – Troppe automobili. Certo, se la non avessimo speso un milione di euro per una pista ciclabile inutilizzabile e chiuso l’area della Ex Del Gaizo per farci un buco con delle macerie intorno forse sarebbe più facile, ma bisogna cominciare a vivere la città attraversandola, facendo compere, recandosi a lavoro o a scuola, a piedi o in bicicletta. Insomma, potrà sembrare banale, ma se rispettassimo il codice della strada ed usassimo meno l’automobile forse, dico forse, il problema traffico non sarebbe poi così grave. Nell’attesa che prima o poi tra piste ciclabili vere e mezzi di trasporto pubblico cittadino arriverà una amministrazione che come modello avrà in mente l’Europa e non Monopoli, il gioco, non la splendida cittadina pugliese>>.

Consiglia

2 Commenti

  1. Luca

    1 giugno 2017 at 16:48

    Salve ora che il signore comandante dei vigili urbani Pasquale Cataldo ha messo la sua firma sulla rete viaria, né dovrebbe mettere una con il suo personale per evitare soste abusive in doppia fila con verbali e ingrassare un po’ le casse. Per la sosta a pagamento non mi sembra che gli ausiliari la facciano funzionare proprio come dovrebbero….. Un bel parcheggio adiacente alla chiesa di San Francesco sarebbe l’ideale.

    • salvatore

      1 giugno 2017 at 23:58

      sicuramente ma con il 2o% di strisce bianche che sul tutto territorio scafatese mancano