Scafati. L’Acse trascina in Tribunale l’Aipa spa

Scritto da , 12 Agosto 2015
image_pdfimage_print

Di Adriano Falanga

Gestione sosta a pagamento, l’Acse trascina in Tribunale il vecchio gestore, l’Aipa spa di Milano, perché non ha versato ancora i canoni relativi agli anni 2013 e 2014. Tra le due società era nato un contenzioso a seguito delle richieste dell’Aipa di rivedere i canoni dovuti (pari a 100 mila euro annui) tenendo presente le numerose perdite di stalli a pagamento. Strisce blu venute meno a seguito dei tanti cantieri aperti in città, tra cui via Zara, piazzale ex Del Gaizo (area Polo Scolastico) area Mercato. Dopo una serie di trattative, si arrivò ad una transazione di rateizzazione e revisione del credito vantato dall’Acse. L’atto transattivo revisionava i canoni del 2013 e 2014 in euro 71.323,52 che l’Aipa avrebbe dovuto versare in 4 rate con scadenza mensile a partire dal 20 gennaio 2015.

Nessuna scadenza è stata però onorata. Da qui la decisione dello Cda guidato dal presidente Eduardo D’Angolo e dal direttore generale Salvatore De Vivo di dare mandato ad un legale di fiducia per adire alle vie legali. Costo preventivato, 2 mila euro. Oggi la gestione della sosta a pagamento è affidata, per sei mesi, alla Publiparking srl, dopo che alla scadenza di novembre 2014 il consiglio comunale deliberò di non rinnovare la convenzione con il vecchio gestore ma di affidare la gestione in house all’Acse. La partecipata però ancora non ha provveduto ad organizzarsi, da qui la procedura negoziata con affidamento per sei mesi,al costo di 41 mila euro, alla Publiparking.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->