Scafati. Il Puc non parte? Ecco perchè

Scritto da , 4 luglio 2015

Di Adriano Falanga

“L’adozione del Puc è stato rallentato a seguito di un esposto presentato dall’opposizione in Provincia, le eventuali problematiche sarebbero di natura formale, lette al microscopio, mentre nulla è stato possibile eccepire riguardo alla totale uniformità di intervento”. Così Giancarlo Fele, assessore all’Urbanistica, rispondendo all’interpellanza di Fdi che sarà discussa nel prossimo consiglio comunale. Viene fuori quindi la minoranza quasi compatta ha presentato un lungo esposto di una settantina di pagine, segnalando quelle che per loro sono “gravi anomalie e contrasti con le leggi in materia”, come conferma Mario Santocchio, consigliere di Fdi cofirmatario dell’esposto assieme a Cristoforo Salvati, Vittorio D’Alessandro, Marco Cucurachi, Michelangelo Ambrunzo. “Il Puc è stato approvato in consiglio comunale il 1 luglio 2014, la delibera è stata pubblicata ben 4 mesi dopo, il 6 novembre. Il tutto è arrivato poi in Provincia per l’approvazione il 20 febbraio 2015 – continua Santocchio che spiega ancora – abbiamo sottoposto il Puc a tecnici esterni che hanno confermato, tra le altre cose, anche il contrasto che esiste con il Pcpt provinciale. In consiglio comunale Aliberti dovrà chiarire ogni aspetto e spiegare anche quanto ha percepito l’architetto Mesolella per redarre un lavoro in contrasto con la legge”.

Ulteriori aspetti sono chiariti da Vittorio D’Alessandro, capogruppo Pd: “dopo i numerosi emendamenti alle norme tecniche di attuazione presentati solo in Consiglio e senza alcun parere tecnico, quella non era approvazione ma nuova adozione e quindi si doveva ridare la parola ai cittadini per le nuove osservazioni”. Al capogruppo fa eco la segretaria del Pd, Margherita Rinaldi: “L’opposizione non rallenta niente, semplicemente svolge il suo ruolo di controllo e vigilanza. L’iter di approvazione del nuovo strumento urbanistico si e’ svolto con anomalie e irregolarità anche gravi che ne inficiano la legittimità e che come principale partito di opposizione non potevano ignorare o tacere. E’ interesse anche nostro che Scafati abbia il suo PUC – conclude la Rinaldi – ma questo deve essere approvato nel pieno rispetto delle regole a garanzia di tutti i cittadini”.

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->