Scafati. Il M5S: “in Regione nessun finanziamento da 24 milioni di euro per il Pip”

Scritto da , 15 settembre 2015

Di Adriano Falanga

“Nessun finanziamento da 24 milioni di euro per l’area Pip, solo proclami”. L’annuncio è di quelli delicati, importanti, da chiarire urgentemente. A scriverlo in una nota è Scafati in Movimento, a margine di un incontro in Regione Campania con una delegazione di onorevoli regionali del M5S. “Abbi­amo avuto un incontro con il consigliere­ regionale Luigi ­Cirillo della commissione Affari istituz­ionali e autonomie locali sulla question­e Pip.­ Il consigliere ci ha ­fornito interessanti informazioni sullo ­stato attuale del progetto industriale d­i via Sant’Antonio Abate e abbiamo appre­so che in realtà nessun finanziamento da 24 milion­i è in itinere per quest’area”. Gli attivisti spiegano meglio: “a breve dovrebbe arrivare una nota al Comune di Scafati in­ cui si chiederà di presentare uno stral­cio del progetto da esaminare e re­ndicontare entro il 31 dicembre 2015, ci­oè una volta avuto l’appr­ovazione della Regione su questa documen­tazione si dovrebbe svolgere una gara pe­r l’affidamento dei lavori, e le gare ne­cessitano di 53 giorni per l’espletament­o, poi la ditta vincitrice entro un mese­ dovrebbe concludere i lavori. In poche parole si parla dell’impossibile”.

Punta l’indice l’associazione a cinque stelle: “ricordiamo ancora i proclami del con­sigliere Mimmo Casciello in cui annuncia­va piogge di investimenti da parte della­ Regione e l’annuncio in piena campagna elettorale poi svanito nel nulla,   della firma del decreto dirigenziale­ che avrebbe permesso di accedere al ­finanziamento dei famosi 24 milioni di euro per ­il lunedì successivo, quel lunedì che no­n è mai arrivato”. Per la gestione di questo finanziamento, che, comunicati di Palazzo Mayer alla mano, è scoperto solo della firma al decreto da parte del neo Governatore Enzo De Luca, è stato anche istituito un apposito settore ad hoc, in quanto la Regione avrebbe chiesto, per sbloccare i fondi, la gestione diretta del comune di Scafati e non della Agroinvest. Secondo Palazzo Mayer il finanziamento rientrerebbe nella proroga concessa ai progetti oltre i 5 milioni di euro, quindi nessun rischio di perdita. Poi arriva la nota del M5S che mischia le carte in tavola. Chiaramente, occorre fare luce al più presto possibile.

sim

 

Consiglia