Scafati. Concorso Acse. “Quel nome sarà tra i primi quindici” e così fu. Spunta le denuncia alla Finanza.

Scritto da , 3 Agosto 2015
image_pdfimage_print

Di Adriano Falanga

Concorso Acse, pubblicata la graduatoria, al via le polemiche. Spunta fuori una denuncia, piuttosto dettagliata, fatta alla Guardia di Finanza di Scafati l’8 maggio scorso. Il querelante è un concorrente che, accortosi di strane anomalie, è andato a raccontare le sue perplessità ai militari. In particolare, l’uomo ha fornito nome e cognome di un disabile che secondo voci di Palazzo Mayer, sarebbe rientrato tra i primi quindici. E così è stato infatti. L’uomo avrebbe parlato ai finanzieri di una regia occulta, probabilmente di matrice politica, dietro le selezioni del bando. Selezioni effettuate non direttamente dall’Acse, ma dalla Selezioni e Concorsi di Salerno.

C’è chi avanza anche forti perplessità sulla capacità di alcuni partecipanti di aver risposto esattamente a un numero elevato di domande durante la prova scritta, mentre altre critiche sono state mosse per la “porte chiuse” con cui si sono tenute le prove pratiche. Una decisione che i vertici dell’Acse motivarono come una misura per non mostrare anzitempo ai partecipanti di cosa si trattasse. Intanto quel nome scritto sul verbale redatto dalle Fiamme Gialle c’è, ed è uscito tra circa 1700 partecipanti al concorso. Non si esclude un’indagine a questo punto, per andare fino in fondo alla questione.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->