Scafati. Centrosinistra, si apre il totocandidati per il dopo Aliberti

Scritto da , 29 ottobre 2015

Di Adriano Falanga

Nel centrosinistra sono aperti i giochi tra i candidati aspiranti alla poltrona di primo cittadino. Dal gruppo consiliare del Pd Filippo Quartucci è dato vicino ai Repubblicani di Raffaele De Luca, pronto a schierarsi con Pasquale Aliberti. Non sembra voglia ricandidarsi il capogruppo Vittorio D’Alessandro, mentre Michelangelo Ambrunzo, rappresentante l’ala sinistra e sanpietrina del partito, sembra guardare di nuovo ad un candidato fuori dalle logiche precostituite di partito: Gianpiero Russo. Ad ambire alla candidatura c’è Marco Cucurachi, che pure non lo ha mai nascosto. Uscendo dal consiglio comunale e restando nel Partito Democratico, i sostenitori dei consiglieri regionali eletti con Enzo De Luca (Fiore e Amabile) starebbero pressando per l’imprenditore Michele Marano, cognato dell’ex sindaco Francesco Bottoni. Un nome importante lo tiene nel cassetto un altro ex sindaco, Nicola Pesce, consigliere uscente. Il noto cardiologo, già sindaco per due mandati, vedrebbe bene l’avvocato Filomena d’Aniello come alternativa ad Aliberti. Ed è un nome che lentamente cresce nella sua quotazione. Cresce anche Michele Grimaldi, supportato dallo zoccolo duro dell’attuale circolo, e in contrapposizione a Cucurachi, che di contro vede scemare le sue possibilità. Ai margini del partito ci sarebbero le aspirazioni degli ex consiglieri comunali Michele Cirillo e Luigi Caiazzo. Poche le possibilità per loro. Interessato a costruire un’alternativa moderata, pescando anche nel Pd, è Corrado Scarlato. L’ex vincitore delle primarie 2013 accarezzerebbe ancora l’idea di sfidare Aliberti, dopo che dovette rinunciarci, nonostante la vittoria alle primarie, a seguito di un avviso di garanzia. Uscendo dal Partito Democratico, il centrosinistra vede la costituzione del cartello civico a cui hanno aderito Gianpiero Russo, Mauro Buono (ex consigliere comunale) Francesco Carotenuto per Scafati Arancione e diversi altri esponenti dell’associazionismo. Un cartello questo a cui guarderebbe con interesse pure Michelangelo Ambrunzo, seppur ufficialmente ha fatto sapere che resterà fedele al Pd. Sfiderà Aliberti anche Espedito De Marino, dopo il ritorno di fiamma con L’Idv. Per lui due liste pronte a sostenerlo.

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->