Scafati. “Altra nomina strana”, il Nucleo di Valutazione in commissione garanzia

Scritto da , 21 ottobre 2015
image_pdfimage_print

Di Adriano Falanga

“Ancora una volta siamo costretti a prendere atto di una violazione di legge da parte del Sindaco pro tempore. Per Aliberti la legge rappresenta un catenaccio da cui liberarsi”. Mario Santocchio, consigliere di Fratelli D’Italia, commenta drasticamente la notizia dell’esposto all’Anac sul nucleo di valutazione. L’organo di controllo di Palazzo Mayer, che dovrebbe verificare, monitorare e valutare le perfomance dei dirigenti, fino a stabilire le loro retribuzioni, pare non essere conforme alla legge 150/2009 che elenca i requisiti che i componenti dovrebbero avere. Non solo, secondo Santocchio: “in spregio alla spending review tra Nucleo e Controllo di Gestione si arriva a ben 14 componenti, tutti senza requisiti e tutti remunerati. Lo invito ad adeguarsi alla legge che dal 2009 prevede l’Oiv: un organismo di tre persone in sostituzione dei quattordici da lui nominati – continua il consigliere di opposizione – cio’ comporta non solo il rispetto della legge ma anche un risparmio per l’ente di circa trenta mila euro che potrebbero essere destinati alle fascie sociali disagiate. Basta con politica clientelare ed incostante violazione di legge. Scafati merita di più”. Dal Pd: “Prendiamo atto dell’ennesima nomina ”strana” effettuata dall’Amministrazione Aliberti – spiega la segretaria Margherita Rinaldi – Questa volta si tratterebbe di una persona  priva dei requisiti per presiedere il Nucleo di Valutazione e già oggetto di interrogazione parlamentare per nomine sospette  in altri Comuni. Ma dopo aver constatato, da una foto apparsa sui giornali, la sua familiarità con l’ex Onorevole Cosentino, la cosa non ci sorprende più’ di tanto. Vedremo se, una volta divenuta notoria la notizia, assisteremo anche questa volta, all’ennesima ed improvvisa revoca” conclude la Rinaldi. Promette di esaminare la vicenda in commissione Garanzia Marco Cucurachi: “Verificheremo la sussistenza dei requisiti previsti dalla legge, che va rispettata senza interpretazioni”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->