Scafati. Allagamenti, Federconsumatori infuriata, Arpaia: “Noi inascoltati”

Scritto da , 13 ottobre 2015

Di Adriano Falanga

“Sono anni che denunciamo i danni derivanti dalle esondazioni e dagli allagamenti, una volta in un incontro al Consorzio di Bonifica per risolvere o tamponare questi allagamenti l’allora direttore mi disse: purtroppo il vostro paese è il vaso da notte di tutta la zona limitrofe”. L’appello per far fronte ai danni di oggi, e per limitare quelli di domani, si leva anche da Michele Arpaia, portavoce della Federconsumatori di Scafati. “Chideremo un incontro con l’amministrazione per il congelamento delle tasse a chi ha subito danni, ma l’appello è anche di attuare un regolare e costante programma di manutenzione. Il Comune deve fare la voce grossa per ottenere la manutenzione di ciò che non è di sua competenza, come la pulizia dei canali”. Arpaia non risparmia una stoccata: “ben vengano le opere pubbliche per dare un’immagine nuova alla città, ma se poi con una pioggerellina di poco conto si devono fermare tutte le attività con strade allagate, se non si fa niente a parte i proclami per pulire il fiume Sarno, se ci lasciamo scappare l’ospedale con la complicità di qualche regionale se aumentiamo al massimo tutte le tasse comunali, allora preferisco la città senza opere pubbliche ma con tutti gli altri servizi”.

Consiglia