Sarno. Via libera della Giunta Canfora: ordinanza unica per la differenziata

Scritto da , 17 Gennaio 2016
image_pdfimage_print

SARNO. La Giunta del sindaco Giuseppe Canfora rifinisce il calendario della raccolta differenziata per farne un’ordinanza unica, sanando anche dei vuoti giuridici che mancavano per il progressivo incremento dei materiali da separare. L’atto è preliminare per l’inizio di esercizio del nuovo appalto sui rifiuti, aggiudicato alla Sarim, che già gestiva il servizio. In sede di gara, la società, per altro unica partecipante, ha avanzato anche offerte migliorative rispetto alle previsioni del bando. Una su tutte, nell’offerta si prevede un potenziamento della raccolta “porta a porta” con definitiva rinuncia alle isole ecologiche sul territorio per i materiali riciclabili che avevano causato polemiche. A costi inferiori rispetto al precedente capitolato, la Sarim quindi potenzierà il servizio e lo amplierà anche al cimitero e all’area industriale, che mancavano nelle operazioni di pulizia degli anni precedenti. La Sarim,  è risultata aggiudicataria provvisoriamente del servizio in oggetto, con un ribasso percentuale del 1,01 % sull’importo posto a base di gara pari a 7.576.519 euro, corrispondente ad un prezzo pari ad Euro 7.481.782,00, oltre Iva e oltre 18.400 euro (oneri di sicurezza).
Ecco cosa prevede il nuovo deliberato:
è vietato: l’abbandono dei rifiuti urbani su suolo pubblico; il conferimento dei rifiuti senza che gli stessi siano preventivamente differenziati per tipologie uniformi; il conferimento dei rifiuti senza che gli stessi siano preventivamente sistemati all’interno degli appositi contenitori e/o sacchetti;
d – abbandonare o depositare accanto ai contenitori altrui, o all’interno degli
stessi, qualsiasi tipo di rifiuto;
e – porre nei sacchetti e/o nei contenitori per la raccolta dei rifiuti urbani
differenziati. rifiuti diversi da quelli previsti per la specifica raccolta;
f – posizionare sul suolo pubblico qualsiasi contenitore per i rifiuti.I contenitori
concessi in comodato d’uso gratuito, dovranno essere custoditi nella proprietà privata o condominiale degli affidatari e solo per il conferimento dei rifiuti potranno essere posti nella pubblica via e comunque nelle immediate vicinanze del proprio ingresso o dell’ingresso condominiale; g – lasciare i contenitori sull’area pubblica dopo lo svuotamento. Subito dopo la fase di raccolta i contenitori andranno riposti sul proprio suolo privato; utilizzare sacchetti non trasparenti (neri x esempio); riporre nei sacchetti vetri, aghi e oggetti taglienti e/o pungenti se non protetti; porre sull’area pubblica rifiuti ingombranti , raee, sacchi con sfalci di potatura  se non espressamente autorizzati dalla società di raccolta o da personale comunale; Inoltre è stata prevista una riorganizzazione di raccolta differenziata domiciliare della carta.  Infine è prevista la raccolta differenziata domiciliare degli olii esausti .

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->