Sardone “in manutenzione”, è caos rifiuti

Scritto da , 12 settembre 2018
image_pdfimage_print

Stop ai conferimenti presso l’impianto di Sardone. Fino al 19 settembre la struttura di Giffoni Valle Piana non riceverà l’umido. E mentre nei Comuni della provincia di Salerno il ciclo della raccolta rifuti va in titl, dall’impianto nei pressi di Giffoni Valle Piana assicurano che la chiusura è solo per un tempo limitato a pochi giorni. Il fermo dell’impianto di Sardone in ogni caso ha provocato preoccupazione nei sindaci delle città del circondario provinciale, come a Cava de’ Tirreni dove nelle zone collinari quali la frazione San Pietro e la frazione Santa Lucia e la frazione Annunziata, la spazzatura è accumulata ai margini delle strade ed agli incroci. Solo pochi giorni dunque, come assicura il direttore tecnico dell’impianto Gerardo Sabato: “E’ tutto sotto controllo”. “Stiamo facendo un po’ di manutenzione del capannone – spiega Sabato – Abbiamo fatto tutta l’estate a pieno regime ed ora abbiamo deciso di prenderci tre o quattro giorni per assestarci, quindi riprendiamo la settimana prossima. Per quanto riguarda il conferimento – continua il direttore tecnico – abbiamo avvisato i Comuni che provvederanno autonomamente, magari con stoccaggio nelle isole ecologiche. Gli impianti fisiologicamente hanno bisogno di un po’ di manutenzione – conclude Sabato – e abbiamo preferito non farlo nei periodi più caldi. Abbiamo fatto passare luglio, agosto, oramai siamo alla seconda settimana di settembre. La situazione è più calma in quanto gli arrivi sono calati e i turisti sono rientrati”. Disagi anche nell’Agro nocerino sarnese ed a Nocera Inferiore dove i disagi legati alla spazzature per strada sono numerosi. Brilla per zelo invece Vietri sul Mare, dove il consigliere comunale delegato all’ambiente, Massimiliano Granozi garantisce: “Con zelo e determinazione siamo riusciti a limitare i danni dovuti alla chiusura temporanea del sito di Sardone che in ogni caso potrebbe far riportare disagi nella raccolta rifiuti. Abbiamo trovato un sito di conferimento alternativo, in modo che non avremo per strada rifiuti e tutte le problematiche igienico – sanitarie relative”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->