Sapri, donna uccisa con un colpo di pistola alla testa

Scritto da , 2 maggio 2018
image_pdfimage_print

Era morta probabilmente gia’ sabato scorso Antonietta Ciancio, 73 anni, insegnante in pensione il cui cadavere e’ stato scoperto oggi nell’abitazione che la donna divideva con il marito, Gabriele Milito, fermato poco dopo a Lagonegro (Potenza). Il corpo della donna, in stato di decomposizione, presenta una ferita da arma da fuoco alla testa. L’uomo e’ attualmente sotto interrogatorio nella caserma dei carabinieri di Sapri: ad ascoltarlo i militari e il procuratore capo di Lagonegro, Vittorio Russo, che coordina le indagini. A dare l’allarme sono stati i familiari di Antonietta, preoccupati per l’assenza di notizie della donna che non rispondeva da giorni al telefono. I vicini della coppia avevano anche notato un cattivo odore provenire dall’appartamento: questo pomeriggio carabinieri e vigili del fuoco sono entrati nella casa, nel centro di Sapri, attraverso un balcone, scoprendo il cadavere. Sono subito scattate le ricerche del marito, rintracciato e fermato a Lagonegro dove la coppia si recava spesso in vacanza. Milito, ragioniere in pensione, sarebbe apparso in stato di shock, fornendo spiegazioni confuse sull’accaduto e sui motivi della sua fuga. La coppia, che ha due figli, era molto nota e stimata a Sapri: i due anziani coniugi venivano visti spesso passeggiare insieme sul lungomare, e i conoscenti li descrivono come persone legate e tranquille.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->