Sanità: incontro-scontro tra consiglieri regionali su Salerno

Scritto da , 14 ottobre 2013

“Il confronto col presidente Caldoro non solo e’ stato soddisfacente ma ha gia’ prodotto una prima, significativa, risposta, lo stanziamento cioe’ di 20 milioni extra budget per riabilitazione e l’attivita’ socio sanitaria in Campania”. E’ quanto affermano i consiglieri regionali di maggioranza Michele Schiano di Visconti (Pdl), Giovanni Baldi (Pdl) e Giovanni Fortunato (Gruppo Caldoro Presidente), in risposta alle dichiarazioni che i consiglieri salernitani hanno rilasciato dopo l’incontro sulla crisi della sanita’ salernitana tenutosi lo scorso 11 ottobre. “L’incontro col presidente Caldoro – hanno poi spiegato i consiglieri Schiano, Baldi e Fortunato – e’ stato anzi piu’ che soddisfacente. C’e’ impegno alla nomina entro fine mese del nuovo manager dell’Azienda Ospedaliera di Salerno che consentira’ il via libera all’Atto Aziendale, alla razionalizzazione dei servizi e delle prestazioni e al rilancio dell’emergenza-urgenza”.I l tema del confronto, che si e’ tenuto a Napoli, tra i consiglieri regionali della provincia di Salerno ed il governatore Stefano Caldoro, era sulla questione della sanita’ salernitana. Gli esponenti salernitani dell’opposizione Gennaro Mucciolo, Anna Petrone, Donato Pica, Antonio Valiante e Gianfranco Valiante hanno diffuso una nota critiche molto dure sull’operato dell aRegione Campania, dopo l’incontro che hanno avuto con il Presidente Stefano Caldoro. I consiglieri di Salerno infatti hanno cosi’ dichiarato in un comunicato comune: “Un concreto svuotamento del fondamentale ruolo di programmazione del Consiglio regionale e l’assenza di ogni interlocuzione istituzionale hanno connotato la gestione commissariale della sanita’, con provvedimenti, come quelli della chiusura degli ospedali di Scafati e di Agropoli, a grave rischio per la tutela della salute in ampi territori della provincia di Salerno”. Sullo sblocco del turn over i consiglieri di Salerno hanno continuato: “L’annunciato e auspicato sblocco del turn-over, peraltro non imminente, servira’ soltanto parzialmente a coprire le gravi carenze odierne che richiederebbero anche immediati provvedimenti di reclutamento o di mobilita’ temporanei come avvenuto con autorizzazione regionale per l’ospedale Cardarelli di Napoli”. I consiglieri Schiano, Baldi e Fortunato hanno ribattuto anche sullo sblocco del turn over:”Non c’e’, come sostiene l’opposizione, da attendere i fatti, poiche’ questi sono gia’ sotto gli occhi di tutti e parlano dello sblocco del turn over che non sara’ a futura memoria e che, ricordiamo, e’ stato ottenuto grazie alle valutazioni positive sull’azione di governo del presidente Commissario Caldoro da parte del Tavolo di Verifica del Piano di Rientro. Ma parlano – hanno poi concluso i tre consiglieri di maggioranza della regione Campania – anche dell’equilibrio di bilancio nella Sanita’ e, soprattutto, con la fine del commissariamento, della riappropriazione da parte del Consiglio Regionale di una prerogativa fin qui negataci proprio dalla parte politica che oggi continua a stracciarsi le vesti: la funzione legislativa in materia di sanita’”.

Consiglia