Sanità in ginocchio, il flash mob degli operatori

Scritto da , 3 Novembre 2020
image_pdfimage_print

di Rosa Coppola

Flash mob, ieri sera, nell’area parcheggio dinanzi all’ospedale nocerino Umberto I che ha visto protagonisti rappresentanti delle diverse professionalità del mondo sanitario: medici, infermieri, Oss, soccorritori, tecnici, volontari. Tutti insieme per denunciare le forti criticità di un sistema ospedaliero sull’orlo della crisi. L’anima della manifestazione, la portavoce di un disagio che ha raggiunto livelli di guardia, è stata Teresa Cuomo (delegata Cisl ospedaliera. nella foto), Direttore facente funzione della Neurologia. “Perché siamo qui oggi? Perché siamo stanchi, avviliti ed arrabbiati” esordisce la dottoressa Cuomo e aggiunge: “Non siamo eroi. Siamo medici ma anche cittadini comuni, padri e madri di famiglia che evitano da mesi di abbracciare i propri cari. Abbiamo paura. Sì, concittadini anche noi abbiamo paura. Siamo stanchi per il carico soprattutto emotivo che da marzo ci portiamo addosso. Avviliti perché non vediamo via d’uscita.

L’articolo completo sull’edizione digitale di oggi

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->