Sanità. Cisl contro Asl e altri sindacati

Scritto da , 3 Settembre 2015
image_pdfimage_print

Comunicatio stampa Cisl

ANTONACCHIO: «SPIACE ASSISTERE AD UNA SCOMPARSA DI VERTENZIALITA’ DA PARTE DI QUEI SINDACATI E SINDACALISTI CHE OCCUPAVANO LE SEDI DELL’ASL PER QUALSIASI SCIOCCHEZZA E CHE ORA A FRONTE DI UNA RIVISITAZIONE DEGLI ACCORDI SOTTOSCRITTI E SUI QUALI CI SONO VOLUTI ALMENO TRE ANNI CON LA VECCHIA AMMINISTRAZIONE PER VEDERSI RESTITUITO IL MALTOLTO, SI POSSA RICOMINCIARE DA ZERO E NON SI SA CON QUALI ULTERIORI  IMPLICAZIONI.  DA SUBITO  IL RILANCIO DELLA VERTENZA».

 

Salerno, 2 settembre 2015

Al Presidente della RSU ASL Salerno

Alle OO.SS. Territoriali del Comparto

A tutti i lavoratori

Oggetto: accordo del 3 agosto – determinazioni dell’assemblea

In riferimento all’oggetto, corre l’obbligo ai sottofirmatari della presente rilevare l’atteggiamento del Commissario dell’ASL Salerno che, a fronte di un accordo sottoscritto il 3 agosto,  allegato, ha inteso far slittare la sua esigibilità immediata a fronte di una paventata necessità di verificare la correttezza e congruità dei fondi.

Non volendo dissertare inutilmente su chi e dove sono stati determinati i fondi, appare strano che tale atteggiamento non sia stato immediatamente stigmatizzato dal Presidente della RSU e da tutte le organizzazioni sindacali, tranne ovviamente da coloro che hanno richiesto la immediata attivazione del bando per la attribuzione della fascia agli aventi diritto.

Ed è altrettanto poco comprensibile la mancata esigenza da parte del Presidente della RSU di non convocare da subito una assemblea per verificare le strategie da mettere in campo a tutela dei lavoratori tutti, che da ormai troppi anni si sono visti defraudare consistenti quote di salario relative alla progressione economica orizzontale da parte della dirigenza, la quale nonostante tutto sta ritornando all’attacco per una rilettura e una rideterminazione dei fondi a scapito del comparto; lavoratori del comparto che unici e soli,  dall’avvio della azienda unica, assistono a difformità di trattamento su benefici contrattuali, su consistenti quote di salario accessorio e che subiscono interpretazioni unilaterali sempre tendenti a delegittimare gli accordi sottoscritti e le norme contrattuali.

Pertanto si invita a prendere in seria considerazione di convocare una assemblea della RSU al fine di elaborare una immediata strategia di rilancio della vertenza in atto, poiché i tempi di attuazione dell’accordo e la necessaria verifica di perseguire tutti gli altri punti della piattaforma, non possono essere dilazionati ovvero addirittura messi in discussione, atteso che la correttezza delle determinazioni dei fondi e la necessità di perseguire nel concreto la uniformità del trattamento economico e giuridico sono orami principi sui quali non si possono accettare ulteriori ritardi.

 I delegati RSU CISL FP

Attanasio Carmine – Aulisio Giuseppe – Ciaburri Marcello – Della Mura Domenico – Della Porta Alfonso – Faucitano Franco – Gaeta Raffaele – Giugliano Antonio – Iapicco Antonio – La Rocca Maurizio – Mari Regina – Mazzola Giovanni –         Pandolfi Francesco – Paradiso Gerardo – Pergamo Luigi – Ristallo Antonio – Solimeno Pasquale -Sparano Emiddio – Viciconte Michele

Il Segretario Generale   Pietro Antonacchio

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->