San Martino, tra torroni, cavalli e vino

Scritto da , 11 Novembre 2019
image_pdfimage_print

Oggi si festeggia la fine dell’anno agrario legata al sole e all’atto di carità del vescovo di Tour. Grande Festa a Sala Consilina con la kermesse “Il mantello di San Martino” giunta alla sua IV edizione

Di Olga Chieffi

“San Martino, ogni mosto è vino!”. Oggi si festeggia San Martino Vescovo di tour, patrono dei sommelier, dei bottai, di cavalli e cavalieri, nonché degli uomini ammogliati e fidanzati. La venerazione per San Martino è molto sentita a Salerno, e non vi è giorno dell’anno che non si ha motivo di invocare il grande Santo. A parte l’apertura delle botti e quindi il festeggiamento della fine dell’anno agrario, con la raccolta degli ultimi frutti e l’ultimo banchetto prima del Natale, riscaldato dal tiepido sole che prelude ai giorni più corti, bui e rigidi dell’anno, legato al miracolo della divisione del mantello tra i mendicanti e al miracolo dell’estate di San Martino, le mamme quotidianamente invocano la benedizione del Santo sui propri figli e, quando mangiano con appetito, si sente il fatidico “Benerico Santu Martinu”.

San Martino è anche il protettore degli uomini ammogliati, dei fidanzati, degli uomini, comunque, in posizione di capifamiglia, degli uomini traditi dalle proprie donne. Spesso ci si domanda perché San Martino abbia conquiso un simile patronato. A questa domanda non si sa rispondere. Si è cercato di trovare nella vita del Santo qualcosa che possa addentellarsi alla tradizionale credenza, ma nulla è emerso che possa suffragarla. Ed ecco venirci in aiuto la credenza popolare. Il racconto dice che San Martino avesse una sorella molto bella, ma incapace di filare dritto, cosa che provocava grande dolore al fratello. Questi, per salvarla dal peccato, pensò di tenerla lontano dalle tentazioni e, per essere sicuro, se la caricava a “coscia cavallo”, cioè, seduta sulle spalle, e così la portava in giro. Purtroppo, anche la sorella di San Martino, di tanto in tanto aveva bisogno di starsene al riparo per cose personali. Per tale ragione chiese al fratello di farla scendere e di farla appartare dietro una siepe. Il Santo aderì alla richiesta, ma prima di far occultare la sorella, si volle sincerare che dietro la siepe non ci fosse qualcuno. Infatti, lanciò alcune pietre tra i cespugli e qualche uccello volò via spaventato. Questo fatto dette al Santo la certezza che la sorella potesse mettersi al riparo. Fu un vero e proprio inganno, una trappola ben congegnata. Dietro la siepe, un bel giovane che aspettava la ragazza, aveva liberato alcuni uccelli, carpendo la buona fede del Santo. Quando la sorella ritornò sulle spalle del fratello, questi disse:” Sora mia! Come pesano e peccate!”. Da questa leggenda, la tradizione della nostra tavola ove a San Martino non deve mancare mai una bottiglia di vino novello e i famosi torroncini. Gli uomini devono portare alle loro donne queste squisitezze: un impasto di pasta di mandorle, a forma di piccoli parallelepipedi, ricoperti di naspro o di glassa di vario colore o di cioccolato fondente. Si sa che il mandorlo, per il fatto di essere il primo fiore a sbocciare, anche in febbraio, spesso viene sorpreso dal freddo e gela. Sicchè è il simbolo dell’imprudenza. Con il regalo del torroncino, gli uomini ricordano alle loro donne di essere prudenti. Ma essendo il mandorlo anche il primo fiore della primavera, è considerato il simbolo della continuazione della vita, dell’eternità, per cui il torroncino, vuole essere l’augurio di amore eterno fra i due innamorati. Ma dove andremo a festeggiare il buon cavaliere quest’ oggi? Una delle tappe sarà Sala Consilina, dove si  svolgerà la IV edizione de: “Il mantello di San Martino”, la kermesse che ha lo scopo di riqualificare il quartiere in cui si svolge. Infatti, ogni anno si cambia location, ma il fine è lo stesso, investire i soldi provenienti dalla manifestazione per piccoli interventi di riqualificazione del quartiere che la ospita. Durante la kermesse si potranno gustare ottimi cibi a Km 0 per lo più frutti di stagione raccolti dagli organizzatori, vino e dei dolci fatti in casa: questo è il Mantello di San Martino, una piccola ma grande realtà, che si prolungherà sino al 1 dicembre. Anche Capitignano festeggerà San Martino ma tre giorni dedicata alle castagne e al vino rinviata al week-end per avverse condizioni meteo, come anche Laureana Cilento onorerà il grande vescovo. Non si potrà non percorrere, poi, la via dei vini, lungo la quale le cantine prestigiose dal Cilento all’Avellinese, al Beneventano, saranno tutte aperte per offrire lo scintillante novello.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->