Samantha Esse e la sua battaglia contro gli stereotipi sociali

Scritto da , 20 Maggio 2021
image_pdfimage_print

L’evento dell’anno per quanto riguarda la moda è sicuramente la Fashion Week di Napoli. Organizzata da Alessandro Di Laurenzio vede protagonista per la prima volta la nostra Napoli. Tra i vari nomi degli stilisti che vedremo in passerella, Samantha Esse 29 anni, di Roccapiemonte. Già nota per aver realizzato e distribuito a titolo di beneficenza centinaia di mascherine durante il primo periodo di pandemia, quando una di queste era piu preziosa di un grammo d’oro. In tanti si sono affollati fuori la sua abitazione, per ricevere mascherine che ei stessa realizzava. La notizia ha fatto il giro del paese, passando anche per diverse testate giornalistiche e diversi programmi tra cui anche il tg3 grazie al giornalista rai Giuseppe De Caro. Oggi, a circa un anno di distanza, torna a far parlare di se per la sua indole femminista, portando avanti una sorta di campagna social fatta di foto provocatorie, video ed interviste dove dice apertamente di combattere gli stereotipi sociali e il maschilismo con la moda, attraverso i suoi capi. Nonostante la sua giovane età risulta una ragazza dalla personalità molto complessa accompagnata da mille sfumature. Ma a chiarire molti dubbi, in arrivo il suo libro: Samantha Esse. “Ho cominciato a scrivere questo libro circa 10 anni fa. Durante l’ultimo anno di liceo.” “Fin da piccola avevo l’abitudine di custodire un diario, dove scrivevo quasi ogni giorno. Subito dopo il Diploma quando decisi di partire per Londra ripresi quest’abitudine di scrivere quotidianamente.” Perché le persone dovrebbero leggere questo libro? Cosa ci racconterai? “Vi racconterò l’amore, l’odio, la passione, di come un amore a distanza può destabilizzare un’ intera esistenza, vi racconterò di mondi a molti di voi ancora sconosciuti, vi racconterò questo e tanto altro” Ci hai detto tutto e niente. Quindi ci racconterai una storia d’amore? “Anche” E in qualche modo il libro è collegato al tuo lavoro? “La mia vita ruota intorno al mio lavoro. Io Vivo per il mio lavoro, ed ogni cosa che realizzo ha il dovere di lanciare un forte e chiaro messaggio contro il maschilismo, gli stereotipi e i dogmi imposti dalla società soprattutto nei riguardi della donna. E alla base contro ogni tipo di violenza” E evidente il tuo impegno nella lotta di questa battaglia, la domanda ci sorge spontanea. Perché?” “Non posso rispondere a questa domanda, ma chi leggerà questo libro lo capirà!” Siamo molto curiosi di leggerlo, quando sarà disponibile? “A breve, subito dopo la fashion Week ci sarà il lancio del libro” E tornando alla tua nuova collezione, cosa ci farai vedere in passerella? “Non posso rivelarvi molto, posso dirvi però che non vedrete dei semplici abiti.” Non ci resta che aspettare la Fashion Week dunque, dal 17 al 20 Giugno a San Domenico Maggiore (Na).

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->