Salerno: nessuna mitigazione odori. Miasmi dal compostaggio

Scritto da , 25 Aprile 2019
image_pdfimage_print

di Andrea Pellegrino

Odori nauseabondi dal sito di compostaggio di via De Luca a Salerno. Scoppia la protesta dei residenti e degli imprenditori della zona che hanno segnalato i disagi all’indomani della riapertura dell’impianto di smaltimento dei rifiuti. Un riavvio tra le polemiche per l’assenza – a quanto pare – di alcuni interventi per la mitigazione degli odori. Tra l’altro nelle vicinanze c’è anche un centro medico, oltre che attività commerciali e abitazioni. Il caso è stato sollevato già da qualche settimana dal consigliere comunale Horace Di Carlo che ha fatto iscrivere l’argomento all’ordine del giorno della commissione ambiente chiedendo chiarimenti all’assessore all’ambiente Angelo Caramanno. Ma la risposta al momento ancora non è arrivata mentre aumentano i disagi, le proteste e anche la preoccupazione dei residenti della zona. Secondo una prima valutazione, nell’impianto di Salerno mancherebbero alcune fondamentali misure per l’abbattimento di odori e per la salvaguardia dell’ambiente circostante. Misure che dovrebbero riguardare l’area in cui si conservano i rifiuti. Horace Di Carlo avrebbe chiesto di prendere visione del progetto dell’impianto già finito sotto i riflettori dell’Anac ed anche della Procura della Repubblica di Salerno che prosegue la sua inchiesta sulla gestione del sito dopo le segnalazioni che sono giunte nel tempo direttamente dall’Autorità anticorruzione di Raffaele Cantone.E non si escludono sviluppi nel breve futuro mentre gli stessi residenti ed imprenditori di via De Luca sono pronti ad inoltrare una propria denuncia all’autorità giudiziaria.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->