Salerno, maestra condannata a un anno e 6 mesi

Scritto da , 9 ottobre 2014

Una maestra di 63 anni e’ stata condannata in primo grado a un anno e sei mesi di reclusione dal giudice Fabio Zunica del Tribunale di Salerno con l accusa di aver maltrattato fisicamente alcuni alunni di scuola dell infanzia nel plesso in frazione Pietre dell’istituto scolastico di Tramonti, nel Salernitano. I fatti risalgono ad aprile 2013 quando i carabinieri di Amalfi, coordinati dal pm Elena Cosentino, mediante riprese di telecamere nascoste accertarono violenze e maltrattamenti in classe ad opera della donna, Anna Vitagliano. Le violenze furono perpetrate su bambini di 5 anni. La maestra e’ stata anche interdetta dalla professione di insegnante e condannata al pagamento delle spese processuali. “Siamo soddisfatti per la sentenza perche’ il quadro accusatorio era incontrovertibile – dichiara il legale rappresentante delle mamme dei bambini maltratti, l’avvocato Luigi D’Uva – ci dispiace soltanto per gli episodi di violenza che hanno subito i bambini”. Dalle attivita’ di indagine e’ emerso che la maestra infliggeva agli alunni punizioni fisiche con schiaffi e insulti.

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->