Salerno: ecco “Trool”, il social network sicuro

Scritto da , 28 Marzo 2015
image_pdfimage_print

Nella mattinata di ieri, presso la sala del Gonfalone del comune di Salerno, è stato presentato il progetto di educazione digitale ‘Crescere che avventura’, già attivo in quattro scuole di Salerno, ed il pacchetto gratuito ‘Google Apps for education’. Alla presenza dell’assessore comunale all’ struzione Eva Avossa, il responsabile nazionale del progetto Emanuele Dattoli ha illustrato la piattaforma ‘Trool’ social network sicuro e sotto costante monitoraggio della polizia postale. Questa piattaforma, che si offre come punto d’incontro tra la scuola tradizionale e quella digitale, offre ad alunni, insegnanti e plessi scolastici, gli strumenti necessari per permettere ai più piccoli una navigazione sicura e la possibilità di avvicinarsi al mondo della rete sotto importanti protocolli di sicurezza. Trool, in cifre, ha raggiunto risultati importantissimi: nel periodo di tempo che va dal 2007 al 2014 i blogger attivi sono stati circa 10.000, 38.000 i post di ragazzi e bambini, 700 quelli degli adulti. Rispetto ai social più noti, come Facebook o Twitter, Trool è pensato per non creare dipendenza: i laboratori, i blog, i post e le dinamiche di creazione di contenuti, infatti, si basano moltissimo sull’esperienza reale, l’integrazione con il mondo circostante, la sinergia tra nuove tecnologie e la quotidianità. Le scuole coinvolte a Salerno sono la Alfano I di Pastena, l’istituto comprensivo di Mariconda ed i due plessi di Giovi ed Ogliara, dove, da alcune settimane, i tutor esperti della piattaforma stanno lavorando insieme ai docenti, in un percorso di formazione e preparazione. A chiudere l’incontro la presentazione di Noovle, società di consulenza ICT e cloud e premier partner di Google Education, con l’illustrazione della suite di applicazioni di Google per la scuola. Michele Amoruso

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->