Salerno controcorrente: sì ai fuochi d’artificio a S. Silvestro

Scritto da , 29 dicembre 2015

Vietare l’utilizzo di fuochi pirotecnici. E’ la strada che è stata “battuta” da diverse amministrazioni comunali del Bel Paese. Oltre 850 i comuni che hanno adotto questo provvedimento con multe fino a cinquecento euro. Tra questi, al momento, non figura Salerno. Dall’amministrazione comunale nessun segnale in merito. Ne sono giunte comunicazioni alle forze dell’ordine in merito all’indirizzo da seguire in vista della notte di San Silvestro. “Non tocca a noi  – spiega il Questore di Salerno Alfredo Anzalone – vietare l’utilizzo dei fuochi pirotecnici ai privati cittadini. Al momento non mi risulta che ci sia stata un’ordinanza del genere anche da parte del Comune di Salerno. Ho letto che altre città hanno preso provvedimenti del genere ma ripeto si tratta di decisione che spettano esclusivamente al sindaco. Non è da escludere che nelle prossime ore faremo un punto della situazione in tal senso. Di sicuro se il divieto sarà esteso anche a Salerno ci sarà ampia comunicazione”. La polizia è attivissima sul fronte della prevenizione anche se quest’anno di abusivi per la vie della city non se ne sono visti molti. Probabilmente spunteranno tra il 30 ed il 31 con la speranza di poter piazzare qualche affare e portare a casa un po’ di euro per il cenone di Capodanno. “E’ chiaro che su quel fronte siamo sempre vigili – spiega il Questore. Ma i botti si possono anche acquistare legalmente ai supermercati o in altre rivendite e se i cittadini vogliono farli esplodere per festeggiare il Capodanno noi possiamo fare ben poco in assenza di un’ordinanza che li vieti da parte dell’amministrazione comunale”. Diversi i comuni che hanno proibito i fuochi d’artificio, mortaretti, stelle filanti e altri fuochi pirotecnici. C’è chi, è il caso del comune di Foggia, che ha vietato la vendita ed addirittura la detenzione per under 14. Botti off limits nelle grandi città come Milano (a Settimo Milanese, Magenta e Sesto), Genova, Torino, ma anche ad Ancona, Bari e Cortina d’Ampezzo e non solo. A Bologna niente botti dal 24 dicembre al 7 gennaio, con maxi multa da 500 euro ai trasgressori. Divieto in vigore anche nel centro storico di Siena, mentre a Firenze il sindaco Nardella ha invitato i cittadini a fare attenzione e ha lanciato un appello a limitarne l’uso. Il sindaco di Casamarciano ha inviato i cittadini a festeggiare il nuovo anno con lanterne cinesi da far volare un quarto d’ora prima della mezzanotte. Da Palazzo di Città finora non è giunto nessun divieto. Nessun segnale. Anzi, proprio il comune ha previsto uno spettacolo pirotecnico allo scoccare della mezzanotte (così come diversi Alberghi)… E di sicuro non sarà l’unico. Anche in caso di ordinanza in extremis di divieto a far esplodere petardi e fuochi d’artificio.

Consiglia