Salerno, città sporca, consiglieri all’attacco contro Calabrese

Scritto da , 19 settembre 2015

di Andrea Pellegrino Assessori assenti, ad eccezione di Gerardo Calabrese (delegato all’ambiente), al centro del vertice di maggioranza di ieri sera finisce la “città sporca”. E, probabilmente per la prima volta, è quasi l’intero gruppo di maggioranza che solleva il problema, chiedendo soluzioni immediate ed efficaci. C’è chi spinge anche un per un “valzer dei dirigenti” per smuovere i dipendenti che si occupano della pulizia e della raccolta della città. Qualche altro consigliere, invece, propone una nuova campagna di sensibilizzazione rispetto alla raccolta differenziata che pare abbia raggiunto, nell’ultimo periodo, livelli bassi, nonostante l’elevato costo del servizio, pagato dai cittadini salernitani. Ma il dato fondamentale è che Salerno si presenta sporca, anche nelle zone centrali. Quanto al bilancio che approderà in aula martedì, praticamente ad illustrare i provvedimenti finanziari è stato il dirigente Della Greca. L’assessore al bilancio Alfonso Buonaiuto, benché sollecitato anche telefonicamente, ha praticamente disertato il vertice. Così come i suoi colleghi della risicata giunta comunale. Assenze che avrebbero fatto storcere il naso soprattutto ai consiglieri comunali che aspiravano ad un posto nell’esecutivo. Sulle polemiche il sindaco Napoli ha tagliato corto: “Nessuna spaccatura in maggioranza, nessun gruppo autonomo e nessun consigliere è protagonista di liste solitarie”. Insomma maggioranza unita, almeno per il facente funzioni che sui fuochi di San Matteo ha ribadito: “Ho rispettato l’indicazione di sobrietà della festa”. Poi ha sgomberato il campo da ogni possibilità: “Sarò presente alla messa (la mattina, ndr) e alla processione”.

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->