Salernitana, una rosa con tante spine

Scritto da , 15 maggio 2013

SALERNO. A Salerno, si sa, le emozioni vengono bruciate rapidamente. Non si fa in tempo a esultare per la vittoria di un campionato che già si pensa a quello successivo. C’è voglia di futuro, sia tra i tifosi sia tra i calciatori. Ma il futuro non decolla visto che alla Salernitana non si muove foglia se non è Lotito a volerlo. E così restano tutti in attesa di questa benedetta doppia finale di Supercoppa per cominciare a chiedere al patron lumi sul proprio futuro. Da Perrone a Mariotto, da Guazzo a Mancini, da Molinari a Rinaldi, sono tantissimi i tesserati della Salernitana alla finestra. Ed un po’ tutti, o almeno chi ha avuto l’ardire di chiedere al patron informazioni sulla propria situazione, si sono sentiti rispondere: «Ne parliamo dopo la Supercoppa». A cominciare da Grillo, procuratore di Matteo Guazzo, e Sorrentino, agente di Morris Molinari. Per entrambi il rinnovo con la società granata non dovrebbe essere un problema, ma entrambi non attenderanno molto prima di guardarsi intorno alla ricerca di una nuova sistemazione: «La priorità è Salerno, ma non possiamo aspettare in eterno». C’è però a chi è andata peggio. Stiamo parlando di Piricò, procuratore di Geppino Rinaldi: «Non mi ha chiamato nessuno -ha spiegato l’agente- anzi, quando sono stato nei giorni scorsi a Salerno, Mariotto mi ha fatto capire che tutto era ancora fermo. Insomma, che bisognava aspettare. Tra l’altro ho letto dichiarazioni non belle sul mio assistito da parte di qualcuno dello staff. In ogni caso spero che la proprietà prima o poi si faccia viva, anche perchè Rinaldi ha dimostrato il proprio valore vincendo un campionato da titolare inamovibile». Più no che si, per il momento, per la permanenza del centrale in granata. Dovrebbe invece restare David Mounard. Il procuratore del francese, Franco Zavaglia, potrebbe addirittura discutere con Lotito di un rinnovo contrattuale: «David ha un altro anno di contratto ed è fermamente intenzionato a restare a Salerno. Anzi, potrebbe addirittura prolungare il suo accordo», le parole dell’esperto operatore di mercato romano. Un rinnovo che però presupporrebbe, almeno dal punto di vista della Salernitana, un piccolo ritocco dell’ingaggio di Mounard verso il basso. Un discorso che a breve la società farà anche a Lionello Manfredonia, agente di Manuel Mancini. L’ingaggio percepito a Verona non potrà essere corrisposto anche dalla Salernitana, ragion per cui il centrocampista ha chiesto al club scaligero una buonuscita per rescindere il contratto in essere fino al giugno del 2014. Nonostante un altro anno di contratto, resta in bilico anche Gustavo. Lo scarso utilizzo del brasiliano da parte di Perrone lascia poco spazio all’immaginazione. Se l’allenatore restasse a Salerno, il brasiliano potrebbe essere ceduto in prestito ad una squadra che gli garantisca un ruolo da protagonista. Non è da sottovalutare però nemmeno quello che potrebbe emergere dall’incontro tra Perrone e Lotito. Il summit potrebbe avvenire subito dopo la finale di ritorno di Supercoppa con la Pro Patria. Il tecnico dirà quello che ha in mente da tempo al patron, stilando probabilmente la sua lista di riconfermati e, allo stesso tempo, di epurati. Dalla risposta di Lotito al tecnico dipenderà molto del futuro della Salernitana. E dei sogni della tifoseria granata…

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->