Salernitana, un compleanno in chiaroscuro

Scritto da , 19 Giugno 2021
image_pdfimage_print

di Fabio Setta

SALERNO – Si è stati “zitt” per troppo tempo che si attendeva davvero questa data per poter sprigionare ulteriormente quella gioia e quell’amore che solo i salernitani sanno dare. Dopo i festeggiamenti, intensi ma brevi e macchiati dal dolore e rallentati dalla paura per il Covid, il 19 giugno, giorno in cui si celebra la fondazione del club granata, doveva essere il giorno ideale per festeggiare. Anche per questo motivo dallo storico 10 maggio in poi la città e la provincia si sono colorati di granata, piano piano, giorno dopo giorno. bandiere sui balconi, fili granata per la città, striscioni e testi di canzoni: tutto in attesa della grande festa. Invece, questo sarà inevitabilmente un compleanno dal retrogusto amaro. la voglia di festeggiare, la gioia di essere tornati in Serie A è stata inevitabilmente offuscata dalla vicenda societaria. E’ così, è una realtà che non può essere assolutamente confutata. A pochi giorni dalla scadenza del tempo concesso dalla Figc per mettersi in regola ai fini dell’iscrizione, la Salernitana resta ancora nel limbo tra incertezze, voci e battaglie legali in vista. I tifosi granata, già costretti a vivere un campionato trionfale davanti alla televisione, avrebbero meritato ben altro 19 giugno. Va detto che qualcosa è stato in ogni caso organizzato per celebrare il compleanno di sua maestà. Giovedì la prima festa è partita a Vietri con una spettacolare torciata. Ieri sera alcuni ultras si sono radunati dinanzi all’Arechi per preparare una sorpresa per oggi mentre in costiera amalfitana a Maiori ieri sera c’è stata una torciata al porto turistico così come si sono colorate di granata anche Pontecagnano e San Cipriano Picentino. Sempre a Maiori oggi dalle ore 19:19 su un maxischermo saranno proiettate immagini sulla storia della Salernitana fino alle ore 24.Sarà festa ma anche ricordo. Il compleanno della Salernitana è un motivo per festeggiare ma sarà, come da diversi anni, anche un’occasione per ricordare i tifosi granata scomparsi che continuano a tifare da lassù. Alle 10:45 sarà per questo motivo celebrata una Messa di suffragio presso il Duomo di Salerno, organizzata dal club Generazione Donato Vestuti. La funzione sarà aperta a tutta la tifoseria, nel rispetto delle norme anti Covid. Nel pomeriggio il raduno è fissato alle 19 a Piazza Casalbore, cuore del tifo salernitano, dinanzi alla tribuna del vecchio Vestuti. Previsto un corteo che si snoderà per le vie del centro e tanti gadgets in regalo per i tifosi più piccoli. A Baronissi l’organizzazione dei festeggiamenti è toccato al club Peppino Soglia. Festa anche a Fratte organizzata dal Club Mai Sola del presidente Antonio Carmando. Appuntamento dalle ore 20:30 in Piazza Matteo Galdi alla presenza di rappresentanza, della società Salernitana, del Comune di Salerno, e della popolazione si festeggerà non solo la promozione ma anche il 102° compleanno di Sua Maestà. Resta l’incognita fuochi. Anche ieri c’è stato un tentativo provando a cambiare l’orario di accensione, posticipandolo o magari cambiando location e non è escluso che in extremis possa arrivare il clamoroso ok. La risposta della tifoseria sicuramente sarà partecipata come al solito, anche se quell’amarezza e quella preoccupazione per il futuro non potranno che aleggiare sulla festa dei tifosi granata.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->