Salernitana, tornano Mendicino, Tuia e Franco

Scritto da , 5 ottobre 2014
image_pdfimage_print

di Marco De Martino SALERNO. C’è chi vede il bicchiere mezzo pieno, chi lo vede mezzo vuoto. In ogni caso la Salernitana è uscita imbattuta dall’emergenza che l’ha colpita, conquistando due sofferti pareggi contro Melfi e Foggia. Due punti guadagnati o quattro persi? Questo si potrà stabilire soltanto al termine della stagione. Per il momento Menichini, che pure qualche colpa ce l’ha (non ha convinto appieno la gestione della parte finale del match), si tiene stretta l’imbattibilità ed il primo posto in campionato. Se la Salernitana ha frenato, le altre sicuramente non stanno correndo. Il cammino altalenante di Benevento, Lecce, Matera, Juve Stabia e Catanzaro, sulla carta le rivali più temibili dei granata, se da un lato lasciano un certo rammarico per aver mancato la prima mini fuga stagionale dall’altra rincuorano i tifosi e lasciano i granata in testa. Nel frattempo oggi alle 15 al Volpe la Salernitana tornerà ad allenarsi e molto probabilmente Menichini troverà finalmente un’infermeria svuotata. Se per Trevisan i tempi sono ancora lunghi, per Tuia, Mendicino e Franco finalmente è arrivato il momento di rimettere piede in campo. Tutti e tre hanno svolto un lavoro mirato per recuperare al meglio dai rispettivi infortuni, anche a costo di lasciare Menichini con una rosa ridotta all’osso. Ora però sono pronti a rimettere la casacca granata e dare il loro controbuto alla causa. Contro il Savoia, nell’anticipo dell’Arechi di sabato prossimo, SuperMendo tornerà a guidare l’attacco granata. Il centravanti ha smaltito il problema al ginocchio e dovrebbe fare coppia con Calil. Ai lati Negro e Nalini hanno il posto assicurato. Anche in difesa s’attenuerà l’emergenza. Tuia e Franco torneranno a disposizione di Menichini ed almeno uno dei due potrebbe partire dal primo minuto contro i biancoscudati. Nel pacchetto arretrato in cui saranno quasi certamente confermati i positivi Bianchi, Colombo e Lanzaro, il candidato numero uno ad uscire di scena è il terzino Pezzella. In tutte le gare in cui è stato protagonista, ovvero Ischia, Melfi e Foggia, il mancino ha sempre terminato con i crampi. Sintomo questo di una condizione atletica a dir poco approssimativa. E così con Pezzella che si riaccomoderà in panchina, uno tra Tuia e Franco tornerà in campo dal primo minuto. Con le conferme, praticamente scontate, di Pestrin e Favasuli in mezzo al campo, l’undici anti Savoia è già fatto. Ora in infermeria restano soltanto Trevisan (ma per il difensore saranno necessario almeno altri 40 giorni prima di poter tornare al suo posto) e Gabionetta. Ed è proprio il recupero a tempo pieno del brasiliano, che ieri ha compiuto 29 anni, l’obiettivo principale dello staff granata. Il programma di lavoro è finalizzato per riportarlo di nuovo a disposizione di Menichini per il derby della prossima settimana contro il Benevento. Al Santa Colomba la Salernitana si giocherà una buona fetta di leadership di questa prima parte di stagione e comincerà il ciclo terribile in cui incontrerà in serie tutte le principali rivali per la corsa alla promozione in serie B. Ragion per cui Menichini ed il suo staff non vogliono forzare i tempi, magari mandando in campo già con il Savoia Gabionetta, ma attendere un’altra settimana per avere a pieno regime il brasiliano contro i sanniti. Un innesto fondamentale per presentarsi nel Sannio con tutta la rosa a disposizione e cercare di vincere la prima finale dell’anno.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->