Salernitana, test positivo con la Gelbison

Scritto da , 21 agosto 2016
image_pdfimage_print

GELBISON – SALERNITANA 1-3

GELBISON (3-4-1-2): D’Agostino (64’ Faggiano); Giordano, De Marco (46’ Di Fraia), Manzillo (91’ Lammanna), Menna (46’ De Feo); Mejri (71’ Ferraioli), Pecora (92’ Delli Santi), Cammarota (46’ Gisonni), Menna; Yeboah; Maggio, Passaro (46’ Falco). All. Pepe

SALERNITANA (4-4-2): Terracciano (46’ Liverani); Laverone (66’ Grillo), Mantovani, Bernardini, Vitale; Caccavallo (46’ Improta), Busellato, Odjer, Zito (46’ Rosina); Coda (62’ Cenaj), Donnarumma (85’ Proto). A disposizione: Rosti, De Angelis, Altea, Libertino. All. Sannino

ARBITRO: Foresta di Nola (D’Apice-Caso)

MARCATORI: 31’ Zito, 41’ Coda, 49’ Manzillo, 90’ Improta su rigore

NOTE: Spettatori 800 circa. Ammonito: Donnarumma (S), Calci d’angolo 3-5 per la Salernitana. Recupero 0 pt, 2’ st

Tutti gli occhi su Rosina. Inevitabile fosse così. E Sannino gli ha concesso ben 45 minuti inserendolo nella ripresa. Non al top della forma ha sfornato qualche numero interessante, sfiorando il gol senza trovarlo. Il debutto del colpo di mercato avvenuto in contemporanea con quello di Improta è stata la nota di rilievo dell’ultimo test stagionale prima dell’esordio in campionato. I ritmi in campo non sono certo trascendentali. I granata provano a mettere in atto i dettami di Sannino ma con poca velocità. Destano interesse soprattutto le combinazioni Vitale-Zito sull’out mancino e il brio di Caccavallo sulla destra. Si muove molto Coda che cerca di fare spazi. Grandi occasioni però i granata, a volte troppo scolastici, non ne creano. Al 31’ la Salernitana con un pizzico di fortuna trova il vantaggio. Punizione di Zito, deviazione in barriera di Yeboah e palla che s’insacca beffardamente alle spalle di D’Agostino. Dopo dieci minuti arriva anche il raddoppio firmato Coda su pregevole cross di Caccavallo. A inizio ripresa ecco Rosina e Improta e con Sannino che conferma inizialmente il 4-4-2 per poi provare negli ultimi minuti il rombo. Proprio Improta impegna subito D’Agostino. Poi ci prova Rosina che strappa gli applausi del pubblico. Ma strappa più applausi capitan Manzillo che di testa al 49’ su punizione di Pecora batte Liverani, subentrato a Terracciano. Al 58’ ottima azione granata con Busellato, in netta crescita, che colpisce il palo e Rosina sulla ribattuta non inquadra lo specchio. Poi ancora un palo, nel bel mezzo della consueta girandola di cambi, colpito da Improta. Calano i ritmi e proprio al 90’ Improta si procura un rigore che trasforma, fissando il risultato sul 3-1. Può essere sicuramente soddisfatto il tecnico della Gelbison Pepe. Soprattutto nella prima frazione la sua squadra ha tenuto molto bene in campo, mettendo in risalto anche alcuni giocatori davvero interessanti. Se Cammarota e Pecora assicurano quantità e qualità in mezzo al campo, a piacere è soprattutto il classe 1995 Yeboah. Il numero dieci rossoblù mette sovente in difficoltà gli uomini di Sannino. In attacco poi Maggio si conferma un ottimo acquisto. E proprio l’ex Sarnese sul risultato ancora di parità a sfiorare il gol al 26 con un colpo di testa che sfiora il palo alla sinistra di Terracciano. E poi sul finire del primo tempo proprio Yeboah ci prova a giro dal limite con palla di poco fuori. Nella ripresa poi anche la gioia del gol per capitan Manzillo e la sicurezza di poter disputare un campionato importante. Quello che spera di disputare la Salernitana. Magari con qualche altro rinforzo.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->