Salernitana mister X: con il Perugia terzo pareggio consecutivo per i granata

Scritto da , 31 ottobre 2015

di Marco De Martino

SALERNO. Salernitana sempre più mister x. Arriva, con il Perugia, il terzo pareggio consecutivo. Come con Cesena e Lanciano, granata in vantaggio per primi con Franco (subentrato all’infortunato Lanzaro) e raggiunti ad inizio ripresa da Ardemagni.

Dopo essere stata graziata dall’arbitro che al 5’ non vede un fallo di Colombo in area su Lanzafame lanciato a rete, la Salernitana va vicinissima al vantaggio al 12’: Coda libera Sciaudone al tiro in area, il centrocampista calcia di sinistro ma Rosati ci arriva con la punta delle dita e devia sulla traversa, la palla finisce sul sinistro di Gabionetta che tira al volo ma Alhassan si immola e salva.  Due minuti dopo è Ardemagni a graziare la Salernitana quando, lanciato in corridoio da Lanzafame, calcia in diagonale a lato. Al 17’ Lanzaro è costretto ad uscire per il riacutizzarsi del problema muscolare alla coscia sinistra. Al suo posto entra l’ex di turno Franco, che si improvvisa centrale di destra di una difesa sempre più rabberciata. Al 24’ la Salernitana passa nel momento più difficile: cross di Gabionetta e zuccata vincente proprio di Franco. L’ex dell’altra sponda, Fabinho, prova a scuotere i suoi al 40’ ma la sua conclusione dal limite, dopo un’azione personale in dribbling, si spegne fuori. Tre minuti più tardi Del Prete con un tiro potente deviato da un difensore granata, sfiora il montante alla destra di Strakosha e termina fuori. Il Perugia va in pressione ma i granata chiudono bene ogni varco e la prima frazione si chiude con il vantaggio della Salernitana.

La ripresa si apre però con il pareggio immediato degli umbri. Cross dalla sinistra di Parigini per la testa di Ardemagni che brucia Franco e batte Strakosha. Il Perugia è in totale controllo della partita e chiude la Salernitana negli ultimi trenta metri. Torrente a questo punto decide di rompere gli indugi e passare al 4-4-2, inserendo Troianiello per uno spento Sciaudone. Al minuto 64 uno scatenato Lanzafame prova il destro a giro che accarezza la traversa di Strakosha e va fuori. Torrente prova a scuotere i suoi inserendo la quarta punta, Donnarumma, al posto di Milinkovic. E la Salernitana riguadagna metri e al 78’ va vicina al raddoppio con Coda. L’attaccante di esterno destro batte dal limite dell’area, ma Rosati con un colpo di reni devia in corner. All’86’ Coda fallisce il colpo del ko: assist al bacio di Gabionetta che lo coglie in mezzo all’area da solo, ma la sua conclusione è debolissima e Rosati riesce addirittura a bloccare. Un minuto dopo il Perugia fallisce a sua volta una chance colossale quando in una mischia furibonda ci provano Ardemagni, Alhassan ed alla fine Volta con nessuno di essi capace di battere Strakosha. La squadra granata tenta l’assalto finale, ma la difesa del Perugia regge e arriva il terzo pareggio di fila che sa tanto di due punti buttati alle ortiche.

SALERNITANA – PERUGIA 1-1

SALERNITANA (4-3-3): Strakosha; Colombo, Lanzaro (17’ Franco), Empereur, Rossi; Sciaudone (58’ Troianiello), Pestrin, Odjer; Milinkovic (69’ Donnarumma), Coda, Gabionetta. A disposizione: Terracciano, Ronchi, Trozzo, Pollace, Nappo, Perrulli. Allenatore: Torrente.

PERUGIA (4-2-3-1): Rosati; Del Prete, Volta, Belmonte, Alhassan; Della Rocca, Zebli; Zapata (31’ Parigini, 56’ Spinazzola), Lanzafame, Fabinho (80’ Drolé); Ardemagni. A disposizione: Zima, Rossi, Taddei, Comotto, Mancini, Di Carmine. Allenatore: Bisoli.

ARBITRO: Fabrizio Pasqua di Tivoli (Mondin – Cecconi). IV uomo: Daniele Viotti di Tivoli

MARCATORI: 24’ Franco, 48’ Ardemagni

NOTE: Spettatori 9234 (quota abbonati 5418). Ammoniti Pestrin, Rosati, Empereur, Rossi. Recuperi 2’ e 5′

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->