Salernitana, luci ed ombre nel test con i dilettanti del Cadore

Scritto da , 26 luglio 2014

di Marco De Martino

SAN VITO DI CADORE (BL). Una prima frazione confortante, un secondo tempo preoccupante. Può essere sintetizzata così la seconda uscita stagionale della Salernitana che ha sconfitto per 9-3 i dilettanti della Rappresentativa Cadore. Dopo aver chiuso con un netto 6-0 i primi 45’, i granata complice anche la fatica accumulata in questa settimana di ritiro e la rosa ancora incompleta (mancavano l’infortunato Giacomini, i neo acquisti Gabionetta, Trevisan e Colombo ed il partente Scalise) ha subito ben tre reti nella ripresa. Dopo appena 2’ Mendicino scuote la traversa con un destro dall’interno dell’area di rigore. L’ex laziale si riscatta dopo tre giri di lancette con un destro secco che batte Sabbato. Dopo qualche minuto ci prova anche Ginestra, ma la sua conclusione viene respinta con una prodezza da Sabbato. Il Cobra si sblocca al 20’ con uno splendido sinistro ad incrociare, dopo un altrettanto pregevole controllo al volo, che batte l’incolpevole Sabbato. Ginestra dopo appena sessanta secondi sfrutta un gran assist di tacco di Mendicino e trafigge, stavolta con un piatto destro, Sabbato. Il poker giunge al 24’ ancora con SuperMendo che, sfruttando un’incertezza di Sabbato dopo un tiro di Mounard, segna il più facile dei gol con un tap in da pochi passi. Al 30’ tra il pubblico c’è un sussulto ma non per un gol bensì per l’arrivo di Claudio Lotito. Il patron raggiunge così la moglie Cristina ed il suocero Gianni Mezzaroma, presenti in tribuna dall’inizio del match. Giusto in tempo per godersi il quinto gol, firmato ancora da Ginestra con una potente conclusione di destro che batte il malcapitato Sabbato. Sul finale di frazione (42’) arriva anche il sigillo di Foggia che finalizza una bella combinazione tra Volpe e Mendicino con un sinistro chirurgico che supera Sabbato per la sesta volta. La ripresa si apre con una rete d’antologia dello scatenato Ginestra, che gira in rete con una sforbiciata un assist al bacio di Foggia. Al 59’ la Salernitana incassa il primo gol stagionale per merito di De Villa che con una prodezza supera l’ultimo arrivato Russo. Al minuto 66 arriva il pokerissimo di Ginestra e l’ottavo gol granata, dopo una lodevole iniziativa di Mounard. Al 73’ però i dilettanti del Cadore vanno ancora in gol con Talamini autore di una pregevole azione. Cinque minuti dopo c’è iaddirittura il tris dei locali con Rui che approfitta di una incertezza di Russo e deposita ancora in rete. A fissare il risultato sul 9-3 ci pensa Nappo a tempo scaduto con una scivolata sotto misura. C’è ancora da lavorare tanto, sia per Somma, sia per i calciatori, sia per Fabiani.

SALERNITANA 9

RAPPR. CADORE 3

RAPPR. CADORE: Sabbato (46’ Gori), Olivier M., Simonetti, Olivier R., Frescura, Rimoldi, Filippi, Meola, Pramio, De Villa, Sommariva. A disp. Hepp, Corazza, Talamini, Cettiga, Polese, De Rocco, Rui. All. M. Forgiarini.

SALERNITANA (4-2-3-1): Gori (46’ Russo); Lanzaro (68’ Dragonetti), Tuia (46’ Castiglia), Bianchi, Grillo; Pestrin, Volpe; Foggia (73’ Bruno), Mendicino (72’ Nalini), Mounard; Ginestra (67’ Nappo). All. M. Somma.

ARBITRO: Ciro Ferrara

MARCATORI: 2’, 24’ Mendicino, 20’, 21’, 32’, 51’, 66’ Ginestra, 42’ Foggia, 59’ De Villa, 73’ Talamini, 79’ Rui, 89’ Nappo

NOTE: Spettatori circa un centinaio, in tribuna presenti Claudio Lotito, Gianni e Cristina Mezzaroma.

Consiglia