Salernitana, Gregucci: “In campo senza presunzione”

Scritto da , 22 febbraio 2014

Senza peli sulla lingua. Meno retorico del suo predecessore e pronto a discutere di calcio con gli interlocutori, pur rispettando un “copione” che vede sovente ripetere gli stessi concetti. Dall'”orgasmo calcistico” passando al “giocatore coi ricci e la maglia numero 10 che vinceva le partite”, con qualche stoccata- comprensibile-ad una parte della stampa (“siete voi a parlare di titolari e riserve, io ragiono diversamente e ritengo tutti sullo stesso piano”). Angelo Gregucci, in conferenza, ha parlato così della partita in programma questo pomeriggio togliendosi qualche sassolino dalla scarpa: “ Forse non avete capito che per me nessuno ha già la maglia cucita addosso a priori, il posto va conquistato con il sudore della fronte.Diffidati? Nessuno in questa squadra vince le partite da solo al punto che devo preservarlo in vista della gara successiva, se qualcuno sarà ammonito e fermato dal giudice sportivo me ne farò una ragione e lo sostituirò nella maniera migliore. L’obiettivo è migliorarsi quotidianamente, questi ragazzi hanno la fortuna di guadagnare giocando al calcio, sono in pochi che hanno la fortuna di coronare il sogno di una vita e scendere in campo senza motivazioni sarebbe assurdo“. Nessuna indicazione sulla formazione, ma Gregucci chiede “una squadra di combattenti, il singolo non mi interessa.I terzini devono spingere e crossare, i centrocampisti e gli attaccanti devono correre per recuperare il pallone e per attuare trame di gioco interessanti, non si può sperare di vincere un campionato con i lanci lunghi o l’approssimazione. Il Viareggio domenica scorsa ha fatto benissimo a Frosinone, contro la capolista, e se una Salernitana nona in classifica si permette il lusso di affrontarlo con presunzione vuol dire che non meritiamo neanche i play off. I punti sono pochi, non abbiamo tempo per fare calcoli ed abbiamo l’obbligo di fare la guerra sportiva con tutti gli avversari, poi negli spareggi promozione sarà un match fratricida senza esclusione di colpi“.

Si è parlato molto dei campi di allenamento: “Non sono un alibi, lo ripeterò all’infinito: chi si aggrappa a scusanti, non ha mentalità vincente, in fondo in casa abbiamo fatto 8 in tre partite.Ringrazio l’amministrazione comunale e la società che quotidianamente lavorano per sistemare la situazione relativa al Volpe. Sottolineo anche che non ho mai sospeso la seduta d’allenamento ad Eboli, è stata riportata una notizia totalmente falsa: li farei allenare anche di notte, figuriamoci se interrompo un’esercitazione“. Infine,in riferimento al rapporto tra Lotito e la Lazio, Lotito risponde con una battuta: “Penso solo alla Salernitana, da quando sono qui mi sono isolato da tutto e da tutti ed ho visto una sola partita ed è Manchester City-Barcellona, in camera non ho neanche un decoder e mi è stato montato da un mio giocatore. Vi assicuro che quando sei concentrato sul tuo lavoro, l’unico pensiero che ti viene la sera nel letto è quello di migliorare te stesso ed i calciatori che alleni proponendo degli esercizi altamente performanti, sono il primo a mettersi in discussione perchè non sono unto dal Signore, nè un illuminato sulla strada di Damasco che è depositario della verità assoluta“.

Gaetano Ferraiuolo

Consiglia